shinystat spazio napoli calcio news De Laurentiis: "Giovani e forti, questa squadra mi fa battere il cuore"

De Laurentiis: “Giovani e forti, questa squadra mi fa battere il cuore”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Atteso al debutto allo stadio San Paolo contro il Penarol, il Napoli è pronto a riabbracciare i suoi tifosi in una grande festa che continuerà fino a domenica 7 agosto contro il Siviglia. Per il presidente Aurelio De Laurentiis è il primo tassello di un percorso che porterà il club tra le grandi d’Europa. Progetto che sette anni fa tra le ceneri del fallimento sembrava una pura utopia:

I risultati sono arrivati perchè ci abbiamo creduto. Questo Napoli mi appassiona, è cresciuto anno dopo anno. A me piace, e anche tanto: giovane, fresco e più forte dell’anno scorso. Con il Penarol sarà solo un’amichevole, le emozioni forti arriveranno dopo. Però sarà l’occasione soprattutto per scoprire i nuovi e salutare calorosamente i vecchi. In ritiro ho già notato che Hamsik va fortissimo; che Maggio e Dossena sono scatenati; che De Sanctis è in forma; e che Inler, Dzemaili, Fernandez e Donadel si sono subito integrati. E’ un gruppo serio e motivato“.

Una parentesi anche sull’evoluzione del contesto organizzativo e societario, e sugli interventi che ci saranno in futuro: “E’ stato fatto un lavoro graduale non solo con la squadra. Ora siamo intervenuti anche a Castelvolturno e a settembre, quando tutto sarà completato, vedrete gli studi tv, la radio via web. Però so bene che l’attenzione, non solo mediatica, è rivolta a ciò che succede in campo: c’è entusiasmo in chi rimane, un grande senso di appartenenza dai più giovani a Lucarelli, un grande uomo simpatico e profondo. La solidità si è concretizzata soprattutto con la conferma di Mazzarri poiché tutti sanno già cosa fare, dentro e fuori dal rettangolo di gioco, e i nuovi non hanno tardato a recepire il messaggio. E’ un vantaggio, ed è la testimonianza di quello che vuole il Napoli, Ripeto, questa squadra mi emoziona“.

Giorgio Longobardi

Preferenze privacy