shinystat spazio napoli calcio news Pallone d'Oro 2018, Varane è veramente più forte di Koulibaly?

Pallone d’Oro 2018, Varane è veramente tanto più forte di Koulibaly?


Per la prima volta, dopo undici lunghi anni, Messi e Ronaldo non saranno sul podio del Pallone d’Oro. Il quotidiano francese L’Equipe, infatti, ha anticipato i tre candidati del prestigioso premio: Modric, Mbappé e Varane. Il primo è il grande favorito: il croato, spalla di Cristiano Ronaldo al Real Madrid, è arrivato per spodestare l’ex compagno di squadra. Modric, però, è osteggiato dal giovane fenomeno Kylian Mbappé. Se l’attaccante francese non dovesse vincere il Pallone d’Oro 2018, siamo sicuri che ci arriverà molto vicino nelle prossime edizioni. Mbappé è senza ombra di dubbio uno dei migliori talenti in circolazione e l’ha dimostrato ai Mondiali con la sua nazionale. Il terzo nome è quello di Raphael Varane, che ha in comune con Mbappé la nazionalità e con Modric la squadra di appartenenza. Il francese ovviamente lotta solo ed esclusivamente per il terzo posto.

Pallone d’oro 2018, Varane è più forte di Koulibaly?

Il nome del difensore francese tra i tre candidati per il Pallone d’Oro 2018 ha sicuramente destato curiosità e stupore nell’ambiente. Non che Varane non sia forte attenzione, ma ha addirittura buttato fuori dal podio i suoi compagni di squadra Sergio Ramos e Marcelo, oltre ai già citati Cristiano Ronaldo e Messi.
Oggi noi di Spazio Napoli vogliamo lanciare una provocazione: Raphael Varane è veramente più forte di Kalidou Koulibaly?

Se dovessimo ragionare guardando la bacheca dei trofei, ovviamente non ci sarebbe sfida: Varane nell’ultimo anno ha vinto Liga, Champions League, Supercoppa europea e Mondiale per chiudere in bellezza. Un anno strepitoso, giocato ad alti livelli sia con il Real Madrid che con la Francia. Guardando le caratteristiche tecniche, però, non riusciamo veramente a trovare una differenza così abissale tra il francese e il centrale difensivo del Napoli. La crescita di Kalidou Koulibaly nelle ultime due stagioni è stata esponenziale. Se Varane nell’ultimo anno ha conquistato una marea di trofei, Koulibaly, senza vincere nulla, ha dimostrato di essere uno dei difensori più forti al mondo. Il suo recupero su Mbappè (uno dei tre candidati per il Pallone d’Oro 2018) resta indelebile nella memoria dei tifosi del Napoli, ma in generale degli amanti del pallone. Prima la cura Sarri e poi quella Ancelotti hanno reso Koulibaly un centrale difensivo perfetto, che oggi fa gola a molti top club europei.

Cosa manca a Koulibaly per vincere il Pallone d’Oro?

Mettendo da parte i paragoni, l’unica cosa certa al momento è che Kalidou Koulibaly non vincerà il Pallone d’Oro 2018. Il centrale senegalese, però, è in lotta per il Pallone d’oro africano. Il difensore del Napoli dovrà battere la concorrenza di Salah, Manè e Partey. La vittoria del prestigioso premio potrebbe essere un primo passo per la consacrazione finale del difensore azzurro. Forse quello che manca davvero a Koulibaly per entrare almeno nei primi tre candidati al Pallone d’Oro è la vittoria di un trofeo. Dopo gli insegnamenti di Maurizio Sarri, Carlo Ancelotti potrebbe essere l’uomo giusto al momento giusto. Quale mentore migliore se non l’uomo dei trofei?

I corteggiamenti dei top club europei non fanno vacillare il difensore senegalese, che ha dichiarato di voler restare al Napoli. La vittoria dello scudetto con la maglia azzurra potrebbe lanciare Koulibaly nell’olimpo dei grandi. La consacrazione, però, passa anche dall’Europa, dove il senegalese ha già dimostrato a tutto il mondo di avere la stoffa del campione. Koulibaly ha brillato con avversari del calibro di Mbappé, Neymar, Salah e Firmino, ma adesso, insieme al Napoli, deve dimostrare veramente di essere diventato uno dei migliori nel suo ruolo e trascinare la squadra più avanti possibile nella competizione. Giusto per fare un esempio, la consacrazione di Momo Salah è passata anche e soprattutto attraverso la finale di Champions League conquistata con il Liverpool. Raphael Varane è avvisato: K2 diventerà presto il difensore più forte al mondo.

RIPRODUZIONE RISERVATA