Home » News Calcio Napoli » Pedullà sulla questione Napoli-Cannavaro: "Trattenere Paolo tanto per, sarebbe un errore"

Pedullà sulla questione Napoli-Cannavaro: “Trattenere Paolo tanto per, sarebbe un errore”

paolo_cannavaroGià da tempo si sapeva dei problemi tra il Napoli e il suo Capitano, Paolo Cannavaro, il quale non dorme più sonni tranquilli per via del fatto di essere stato spodestato dalla coppia Albiol-Britos, che lo costringe a sedersi non più sul suo trono (il terreno di gioco) ma sulle scomode sedie della panchina.

Il Capitano ha dato tanto a questa maglia e nessuno può negarlo, sin dalla Serie B, ma negli ultimi tempi il Napoli è diventato una squadra di alto rango e lo spazio per lui si è ridotto notevolmente, nonostante sfoggi grinta e voglia di prendersi il posto per fare bene, nonostante non abbia più la serenità di un tempo.

LEGGI ANCHE:   Notizia in vista di Napoli-Torino: l'attaccante lascia il ritiro della nazionale!

Su questo si espirme il giornalista di Sportitalia, Alfredo Pedullà, nel suo editoriale per TuttoMercatoWeb.com, che ha parlato proprio del capitano del Napoli: “La storia tra Paolo Cannavaro e il Napoli è ormai ai titoli di coda da un pezzo, andare avanti significherebbe peggiorare la situazione. La pratica andava sbrogliata lo scorso agosto, dando a Cannavaro una soluzione per ripartire con maggiore serenità. Restare significa esporsi a qualsiasi spiffero e giocare non con la dovuta serenità: contro Zaza è andato in onda “Cannavaro alla moviola” (lento, goffo, fuori posizione): apriti cielo. Non lo merita perchè al Napoli ha dato tanto. E’ giusto che vada, esattamente com’è giusto che a Benitez venga regalato un difensore, magari Skrtel, per migliorare una fase che spesso è da brividi. Trattenere Paolo tanto per, sarebbe un errore doppio rispetto a quello che è stato commesso, costringendolo a restare dove ormai non ha più la fiducia necessaria. Meglio tagliare la corda salutando gli amici se l’alternativa è quella di vivere di ricordi sbiaditi”.