De Laurentiis da urlo: "Basta essere virtuosi. Da gennaio grandi investimenti per portare il Napoli al top"

De Laurentiis da urlo:

De_Laurentiis_D0B77545-e1348297700609Un Aurelio De Laurentiis da urlo. Un De Laurentiis che mai ti aspetteresti. A Radio Marte è il presidente ad intervenire per i consueti auguri di Natale e tra una battuta e l'altra offre spunti decisamente interessanti. Queste le sue parole evidenziate da SpazioNapoli:

"Il primo augurio è quello di trovare serenità sotto tutti i punti di vista. Ci aspetta un anno ricco di tante novità soprattutto dal punto di vista politico. Invito tutti ad andare a votare perchè c'è in ballo il futuro nostro e quello dei nostri figli.

Il secondo pensiero va ai miei tifosi perchè per me è importantissimo il loro sostegno e la loro fiducia. Si devono fidare perchè il tempo è galantuomo. Ci vuole costanza e ci vuole la coscienza che non si può avere tutto e subito. Aldilà di tutto noi siamo secondi in classifica con otto punti in più rispetto allo scorso anno.

Un altro pensiero va alle persone disagiate che nel Natale devono trovare riscontri positivi dagli altri. Dobbiamo allungare una mano per chi soffre e per chi non ha la fortuna di avere quello che hanno altri.

I nostri obiettivi? Non si tratta solo di vincere ma voglio che la squadra diventi una delle più forti squadre d'Europa. Noi a livello culturale siamo molto più importanti delle squadre di Manchester e quindi non c'è motivo di restare ai margini del calcio mondiale. Di virtuosismo ne abbiamo seminato abbastanza e da gennaio cominceremo seriamente ad investire per rendere la squadra ancor più grande di quello che è. Io dico grazie a tutti: da Mazzarri alla squadra ma soprattutto ai tifosi. Ci vuole pazienza e coscienza.

Cavani? Rappresenta alla perfezione l'animo bellicoso di questa squadra e dei suoi tifosi. E' diventato il simbolo della riscossa della napoletanità. Lui è il paladino che rappresenta perfettamente i nostri tifosi. Il 20 agosto ho rifiutato 55 milioni per lui dopodichè l'ho blindato. State tranquilli che farò sempre gli interessi del Napoli altrimenti l'avrei venduto.

Secondo posto? Noi siamo una squadra di livello guidata da uno dei migliori allenatori del mondo. Si può perdere ogni tanto la strada maestra ma l'importante è che la si ritrovi. E ripeto che a giugno siamo pronti a fare quello che servirà per rendere ancora più forte il Napoli. Interverremo in maniera decisa a gennaio ed ancora più decisa a giugno.

Penalizzazioni e squalifiche? Non mi voglio dilungare troppo ma dico solo che abbiamo redatto 50 pagine per l'appello che abbiamo depositato stamattina.

Le parole di Conte? E' uno che vive in maniera passionale e totalizzante la propria esperienza. Un po' come la vivo io e i tifosi.

L'exploit della Primavera? E' una cosa che mi fa immenso piacere. Significa che abbiamo almeno cinque ragazzi che diventeranno cinque campioni. Devo ringraziare Saurini ma anche Bigon e Santoro perchè non era così semplice ricreare da zero un settore giovanile e renderlo così forte.

Il matrimonio di Insigne? Faccio gli auguri ad Insigne per il matrimonio che avrà tra una settimana. Per il regalo mi chiedo ciò che vuole e provvederò con tutto il cuore".

 

Siamo su Google News: tutte le news sul Napoli Calcio CLICCA QUI

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram