shinystat spazio napoli calcio news CdS Così il Napoli ha stupito tutti

CdS Così il Napoli ha stupito tutti

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Eppur si gioca: e nei ventuno giorni che han­no scaraventato il Napoli in un microcosmo sconosciuto, le fatiche fisiche e lo stress psicologico d’una partita dietro l’altra sono servite a spalancare un universo nuo­vo, infarcito da esigenze e metodologie distanti anni luce dal passato. Il sabato sera a Cesena ( 10 settem­bre) e il mercoledì a Man­chester ( 14 settembre), il rientro nella notte e poi in campo alla domenica (18 settembre) con il Milan, settantadue ore per ritro­varsi a Vero­na ( 21 set­tembre) e im­mediatamen-te, al sabato ( 24 settem­bre), con la Fiorentina, prima di af­frontare al martedì ( 27 settembre) il Villarreal e per chiudere il tour de for­ce l’Inter ( 1 ottobre): set­te partite tut­te d’un fiato, una marato­na o un tour de force, chiamatelo come vi pare, che consuma e che richie­de una radiografia sistematica per sfuggire ad insidie altrimenti igno­te.

SI CAMBIA – La dura legge del turn over va in scena a Verona, con il Chievo, la tappa che si colloca pro­prio in mezzo ad un percorso acci­dentato da avversari di assoluto ri­spetto e acido lattico che inonda il corpo di atleti sottoposti a fatiche vere. Mazzarri rivolta il Napoli, cambia sette uomini rispetto al Mi­lan e sposta Aronica in mezzo: fini­sce 1-0 Chievo, tra interpretazioni di largo consumo sull’opportunità della rivelazione. Ma la rotazione è controllata altrove: a Cesena, ad esempio, Hamsik parte dalla pan­china, prima di sistemarsi al fian­co dei «titolarissimi» tra Manche­ster e il Milan al San Paolo; con la Fiorentina, è costretto a fermarsi Maggio e Aronica viene lanciato nel mischione a gara in corso.

STAKANOV – Morgan De Sanctis gode del privilegio di vivere «rinchiuso» tra i pali e lo stakanovista è lui, che comunque spende psicologicamen­te, ma dal cilindro d’una stagione vibrante, per certi versi a sorpresa, Mazzarri estrae Gargano, che non gioca solo la prima partita ufficia­le (che è di fatto la seconda giorna­ta di campionato)di Cesena e poi si concede sei presenze consecutive da novanta minuti su novanta (più recupero), un tragitto per uomini con polmoni d’acciaio ed una riser­va d’energia invidiabile. E’ un altro Napoli, ora più abbondante, con maggiori certezze, come dimostra Zuniga con la sua versatilità, optio­nal che aiutano nella distribuzione dei compiti, assolti dal colombiano tanto a destra quanto a sinistra.

CHE RALLY – Giocare stanca ma la­scia anche i segni: Donadel s’è fat­to male senza scendere in campo, Dzemaili dopo le prime quattro presenze: e alla fine, in mezzo, so­no rimasti Inler e Gargano, per cantare e portare la croce. I nuovi vanno inseriti e a Verona, con il Chievo, Mazzarri ha voluto verifi­care la consistenza di Fernandez e Fideleff, giovanotti argentini dota­ti di tecnica, fisico e personalità, però usciti ammaccati dall’unica disattenzione del difensore manci­no, che è costata la vittoria e ha condizionato il giudizio popolare.

DI SLANCIO – Le gerarchie esistono, ma vengono sovvertite: Salvatore Aronica era diventato la terza scel­ta di sinistra, con Britos e Ruiz av­vantaggiati. Lo spagnolo è tornato in patria, l’uruguayano s’è infortu­nato a Barcellona e il palermitano ha dimostrato d’avere nervi saldi, concretezza e maturità, giocando più di Cannavaro e Campagnaro, ma anche di Lavezzi, Cavani ed Hamsik. Le luci a San Siro hanno illuminato pure Chavez, l’oggetto misterioso spuntato dal nulla al calciomercato: undici minuti per fargli vedere l’effetto che fa que­sto calcio, che stritola e però esal­ta. Fuori la palla: è il momento del time out.

Fonte: Corriere dello Sport

Preferenze privacy