Nuovo stadio Napoli, novità dopo il summit a Roma: cosa trapela sul futuro del Maradona

Nella giornata di ieri si è tenuto un summit tra De Laurentiis, il Sindaco Manfredi e il Ministro Fitto riguardo lo stadio Maradona e l’ipotesi Bagnoli: cosa è successo.

Il nuovo stadio del Napoli è tornato un tema di attualità dopo che nella giornata di ieri si è tenuto un summit tra Aurelio De Laurentiis, il Sindaco Manfredi e il Ministro Fitto. All’ordine del giorno erano previsti dei discorsi riguardo alla ristrutturazione dello Stadio Maradona e all’ipotesi che De Laurentiis vorrebbe percorrere: la costruzione di un nuovo stadio nell’area di Bagnoli.

Il summit era stato chiesto dallo stesso De Laurentiis per comprendere meglio i margini per la costruzione di un nuovo stadio. Il patron azzurro, infatti, vorrebbe costruire un nuovo impianto per evitare perdite da oltre 100 milioni di euro che ci sarebbero nel caso si procedesse con la ristrutturazione del Maradona. In quel caso, infatti, il Napoli dovrebbe spostarsi per almeno tre anni e questo ridurrebbe di molto gli incassi.

Nuovo Stadio Napoli: c’è la novità dopo il summit di ieri

L’edizione odierna de “Il Mattino” ha fatto il punto della situazione riguardo al summit che si è tenuto ieri a Roma.

Il noto quotidiano ha fatto sapere che De Laurentiis ha lasciato l’incontro molto rabbuiato, ma questa non è una resa da parte del numero uno azzurro. Nonostante la strada per la costruzione del nuovo impianto a Bagnoli sia in salita, infatti, De Laurentiis continuerà a perseguirla poichè non è stata scartata nell’incontro di ieri.

Summit Stadio Maradona
Summit Stadio Maradona (LaPresse) – SpazioNapoli.it

Il problema per gli enti stati è la presenza di un evento importantissimo come Euro 2032 e il governo non vuole assolutamente che Napoli resti esclusa dalla kermesse a causa di un impianto, quello del Maradona, non idoneo. Secondo il Sindaco Manfredi e il Ministro Fitto, per far sì che Napoli sia al centro degli Europei, la strada più veloce da percorrere è quella della ristrutturazione del Maradona.

Non è cambiato molto, dunque, da un mese a questa parte, riguardo il futuro stadio del Napoli, ma una speranza per Bagnoli resiste. Per costruire il nuovo impianto nella zona dell’ex Italsider, però, andrebbe rivisto il piano regolatore perchè non era prevista la costruzione di un impianto così grande in una zona che resta vincolata. Al momento, cambiare il Piano Bagnoli sarebbe sconveniente per Manfredi e Fitto, ma si vuole comunque venire incontro ai desideri di Aurelio De Laurentiis. Questa, infatti, rappresenta un’incredibile occasione di rigenerazione urbana per Bagnoli dopo trent’anni in cui non è stato fatto nulla per la zona dell’ex Italsider.

Home » Notizie Napoli Calcio » Rassegna Stampa » Nuovo stadio Napoli, novità dopo il summit a Roma: cosa trapela sul futuro del Maradona

Impostazioni privacy