Incredibile sentenza dall’ex Napoli: “Rischia di fare una brutta fine”

Il Napoli continua a stentare, gli azzurri di Rudi Garcia peccano di continuità da inizio stagione, nonostante le aspettative alte.

Il pari con l’Union Berlino ha fatto riemergere i fantasmi dell’esonero, con Rudi Garcia finito ancora una volta sul banco degli imputati come principale colpevole. Tante le colpe addossate al tecnico francese, dalla difesa traballante, sino alla poca compattezza, passando per una condizione fisica che stenta a crescere. Emblematico l’intervento di Aurelio De Laurentiis, che da ormai alcune settimane è diventato una sorta di secondo dell’ex Al – Nassr, presenziando con costanza alle sedute tecnico tattiche del Konami Center di Castel Volturno.

Un’operazione compattezza che non ha sortito interamente gli effetti sperati: se da un lato le polemiche in campo si sono ridotte, anche a causa della minaccia multe, dall’altro gli azzurri continuano a stentare, non riuscendo a trovare quella continuità di vittorie che li ha resi campioni d’Italia pochi mesi fa. A sorprendere, in particolar modo, il rendimento casalingo, con Kvaratskhelia e compagni in grado di ottenere fra le mura amiche solamente due vittorie in oltre 7 gare divise tra Serie A e Champions League, il rendimento più basso dall’annata 2010 – 2011, ben dieci anni fa, nell’epoca dell’allora tecnico Walter Mazzarri.

L’ex Napoli condanna gli azzurri, parole dure

Per molti addetti ai lavori, però, le colpe non sarebbero unicamente di Garcia. Tra questi, l’ex Napoli Gennaro Iezzo, che sulle frequenze di Radio Punto Nuovo, si è così espresso in merito al rendimento dei partenopei:

“Qualche errore di Garcia a completare il quadro c’è stato, ma io vedo un Napoli meno umile di quello di Spalletti, le colpe non sono solamente del francese. Sul piano fisico gli azzurri non mi convincono, Anguissa quasi cammina in campo, Kvaratskhelia cerca la soluzione personale invece di servire i compagni quando dovrebbe. Specifico, ho fatto due nomi, ma potrei citarne tanti altri, è il collettivo”.

Iezzo condanna il Napoli
Gennaro Iezzo, ex portiere del Napoli – LaPresse – spazionapoli.it

L’ex numero 1 del Napoli, ha poi rincarato la dose, commentando anche la situazione legata ad Osimhen:

“Osimhen? Quello spensierato dello scorso anno avrebbe risolto i problemi, quello con il musone delle ultime settimane pre infortunio certamente no. Serve tornare al top a livello fisico e mentale, con l’ambizione giusta nei calciatori, altrimenti si rischia una brutta fine. Il gruppo squadra deve essere unito e in tal senso dovrà essere bravo anche Garcia”.

Infine, Iezzo ha chiosato sulla lotta scudetto, a suo giudizio non ancora chiusa:

“Scudetto? C’è ancora tempo, bisogna essere veloci per recuperare il prima possibile però”

Home » Ultime sul Calcio Napoli, le news » Incredibile sentenza dall’ex Napoli: “Rischia di fare una brutta fine”

Impostazioni privacy