De Laurentiis in panchina con Garcia: la pazza idea

Dopo la settimana complicata vissuta tra esonero e conferma, è tempo di preparazione in vista di Verona – Napoli per Rudi Garcia.

Sette giorni complicati per utilizzare un eufemismo, dal quasi esonero alla riconferma, dall’ombra ingombrante di Antonio Conte, non materializzatasi concretamente unicamente per il no del leccese, al sostegno di De Laurentiis, presente in più sedute al Konami Center di Castel Volturno.

Una sorta di giro sulle montagne russe targate Napoli, uno scenario che due mesi fa, agli albori di questo campionato iniziato con lo scudetto cucito sul petto, nessuno mai si sarebbe aspettato, ma si sa, il calcio è strano, imprevedibile.

Il tecnico francese, prima del weekend libero concesso ai propri ragazzi ha potuto contare sull’appoggio totale del proprio patron, autore di una vera e propria retromarcia per provare ad invertire la rotta, un’azione compiuta nel segno di un unico obiettivo da raggiungere, quello dell’unità.

De Laurentiis – Garcia: pazza idea del patron

La presenza del leader della FilmAuro nel corso degli allenamenti di Simeone e compagni ha generato diversi tipi di reazioni, diametralmente opposte le une dalle altre.

Se c’è chi ha apprezzato l’idea di De Laurentiis, vedendo questo gesto come una sorta di “mea culpa” per non aver sostenuto in prima persona un allenatore scelto e voluto fortemente, dall’altro lato addetti ai lavori e soprattutto uomini di campo hanno ritenuto ingombrante tale presenza.

A maggior ragione, dopo le indiscrezioni circolate in merito ad un eventuale “sorveglianza in panchina” nel corso della ripresa del campionato, uno scenario improbabile ma non impossibile, considerando che De Laurentiis si rese protagonista di un gesto identico nell’esordio sulla panchina azzurra di Roberto Donadoni.

De Laurentiis in panchina al Bentegodi, l'ex Napoli non è d'accordo
Aurelio De Laurentiis, assoluto protagonista degli ultimi 7 giorni – LaPresse – spazionapoli.it

In tal senso, sulle frequenze di Radio Kiss Kiss, è intervenuto Emanuele Calaiò, bomber siciliano e colonna del primo Napoli di Aurelio De Laurentiis. “L’arciere” ha criticato esplicitamente l’ipotesi che vedrebbe il patron azzurro a bordocampo al ‘Bentegodi’, senza utilizzare mezze misure:

“La presenza di De Laurentiis in panchin al Bentegodi? No, non me l’aspetto ma se devo dirvi la verità non me lo auguro, non esiste!”

L’ex attaccante dei partenopei ha rincarato la dose soffermandosi sulla riconferma di Garcia:

“Se il presidente ha scelto di confermare Garcia tanto basta. De Laurentiis ha parlato per molte ore a Castel Volturno con l’allenatore, non c’è bisogno di accompagnarlo anche in panchina, sarebbe un segnale di debolezza! Sarà il campo di Verona a dirci se dopo questi giorni qualcosa è cambiato oppure no”.

Home » Ultim'ora sul Calcio Napoli, le news » De Laurentiis in panchina con Garcia: la pazza idea

Impostazioni privacy