Home » Interviste » Non solo Renica, anche un altro ex Napoli attacca Cassano: “Lui è lo scappato di casa”

Non solo Renica, anche un altro ex Napoli attacca Cassano: “Lui è lo scappato di casa”

Uno dei talk show calcistici che si sta facendo largo su Twitch e sta scalzando tutti i grandi programmi televisivi, è senza ombra di dubbio, la Bobo Tv.

Il protagonista indiscusso del programma ideato da Bobo Vieri è sicuramente Antonio Cassano. Il fantasista ex Sampdoria, in questa sua seconda vita, sembra trovarsi molto a suo agio, come raccontato anche in alcune sue recenti interviste, tanto da dire quello che pensa senza alcun tipo di timore reverenziale o paura di risultare scortese e arrogante.

In una delle sue ultimissime dichiarazioni, rilasciate durante il podcast Muschio Selvaggio, condotto da Fedez e Luis Sal, si è lasciato scappare una frase che lo ha gettato nel mirino della critica.

LEGGI ANCHE:   Mondiali, la Polonia di Zielinski supera il girone: data e avversaria degli ottavi di finale
Di Meo Napoli Maradona
Napoli Maradona

Maradona ha vinto lo scudetto a Napoli con una squadra di scappati di casa”, queste le parole incriminate, che hanno mandato su tutte le furie molti tifosi napoletani e soprattutto gli artefici di quella meravigliosa cavalcata.

Dopo la contro-risposta di Renica, anche l’ex portiere di quel Napoli Raffaele Di Fusco, ha risposto a Fantantonio ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli:

Siamo già abituati alle ‘cassanate’ e poi c’è da dire che Cassano non ha tanta dimestichezza con l’italiano. Bisogna capire cosa intendeva dire, certo detto in quel modo è un’offesa. Se c’è uno scappato di casa è lui, che l’hanno cacciato da tutte le parti nonostante avesse delle doti enormi.

LEGGI ANCHE:   "Insigne come vice Kvara nei prossimi mesi": idea suggestiva in diretta

Era un gran bel giocatore, ma poi non ha fatto bene da nessuna parte. Ha avuto possibilità anche in grossi club. Voglio sperare che Cassano abbia sbagliato termine, perché non si può offendere una squadra che ha fatto la storia del Napoli. In qualsiasi squadra dove ha giocato Diego, gli altri erano inferiori a lui ma questo non vuol dire che erano degli ottimi giocatori.

Il Napoli di allora non aveva un unico leader, ce ne era 3-4 e altri ottimi giocatori che completavano quella squadra. Con quel termine spero che voleva solo fare un complimento a Maradona e non offendere la squadra”.