shinystat spazio napoli calcio news VIDEO - Sarri: "Mi aspetto cuore, determinazione e anima. In Italia situazione strutture drammatica. Hamsik? Lo sosterrò sempre"

VIDEO – Sarri: “Mi aspetto cuore, determinazione e anima. In Italia situazione strutture drammatica. Hamsik? Lo sosterrò sempre”


Dal nostro inviato a Castel Volturno, Pasquale Giacometti

14.49 – Termina la conferenza di Maurizio Sarri.

“Abbiamo giocatori non alternabili, ma succede a tutti, al City, Al Bayern. Sono calciatori che giocano sistematicamente. La faccia? Deve essere una faccia di speranza, la porta è semi-aperta”. 

“Come arriva la squadra? Arriva con la miglior prestazione fisica degli ultimi tre anni. Contro il Milan pensavo ad un calo fisico, ma abbiamo avuto più quantità di corsa di molte altre volte. È il miglior dato da quando sono al Napoli”. 

Chi toglierei allo Shakhtar? Nessuno, perché mi piace divertirmi. Spero di divertirmi di più alla fine, hanno una serie di giocatori forti. Forse il più pericoloso è Taison, ha tecnica e accelerazione. Sono straordinari. Anche Fred è un calciatore di altissimo livello.

“Loro sono forti, molti allenatori mi stanno parlando bene di Fonseca. E’ bravo, la squadra è pericolosa, hanno calciatori di gamba e tecnica. Gli dovremo dare campo e questo la rende insidiosissima. Non si deve pensare che lo Shakhtar sarebbe sesto in Italia, c’è stato un errore di valutazione su questa squadra. È molto forte e seguita dagli allenatori europei. L’errore è stato commesso in origine, ci sta perdere ma noi all’andata ci abbiamo messo del nostro. Ci metteranno in difficoltà ma noi potremo fare di più”. 

Hamsik gioca finché me lo chiedete, quando smettete di chiederlo lo faccio riposare. E’ un fuoriclasse assoluto, a volte rende al 100% altre volte no. Non è al massimo dello splendore, l’ho sottolineato e lo sosterrò nella maniera più totale. Io devo stare accanto ai miei giocatori sempre, è facile farlo solo nei momenti belli. Dato sui goal subiti? Il City è forte, su quattro partite ne abbiamo fatte due contro di loro. In Champions mediamente si segna di più”. 

Maksimovic o Chiriches? Non te lo dico, ho due allenamenti, altrimenti farei fare un allenamento a ca**o ad uno dei due. La riforma dei calendari è inevitabile, in base ad essa si può pensare alle caratteristiche del ct. Ora il calendario è folle, i calciatori fanno 35 giorni su 75 in Nazionale. Ci sono quattro soste per le Nazionali, vanno tolte, così i campionati finirebbero ad aprile. I calciatori potrebbero fare di tutto”. 

“L’assenza di Koulibaly è pesante, se abbiamo la presunzione di pensare di essere una squadra importante si può ovviare. Vediamo su Mario Rui, abbiamo due allenamenti da qui alla partita, vediamo se è in grado di recuperare completamente”.

“Ex giocatore come presidente FIGC? Vanno fatte scelte di campo, non uomini di campo. Non abbiamo presidenti di Lega, la situazione strutture è drammatica, basta girare per l’Europa. Bisogna fare un discorso molto ampio, è riduttivo pensare al grande numero di stranieri. Solo in Spagna ci sono meno stranieri che da noi. Questo è un problema a cui devono far fronte tutti i movimenti calcistici europei. Non sono convinto che le Nazionali rappresentino il movimento calcistico. Il torneo più importante è la Premier ma la Nazionale inglese non fa ottimi risultati. Non bisogna parlare per luoghi comuni, la prima grande riforma va fatta sulle strutture”. 

Tavecchio? Mi interessa solo di Ulivieri, presidente dell’Associazione Allenatori. Mi piace la politica sportiva, ma in questo momento no. Forse fra qualche anno. Su Ventura ho sottolineato un aspetto umano. La tua emittente ha parlato degli allenatori che si lamentano dei campi come il male del calcio italiano. Questo movimento non si cura del terreno di gioco, come un chirurgo che opera con strumenti che non funzionano.

La nostra situazione di classifica è difficile, abbiamo un piccolo spiraglio e dobbiamo sfruttarlo. La situazione non dipende solo da noi, però quella piccola luce va spalancata e dobbiamo entrarci. Non voglio fare calcoli, vediamo come va a finire domani, mi aspetto cuore, determinazione e anima. Non è una manifestazione in cui si può dare meno di tutto. Mi aspetto una partita vibrante contro una squadra forte. Dovremo concedere spazi, è una gara difficile”. 

Buongiorno amici di SpazioNapoli.it e benvenuti alla diretta testuale della conferenza stampa di Maurizio Sarri. L’allenatore del Napoli parlerà alla stampa alla vigilia di Napoli-Shakhtar, ultima spiaggia per gli azzurri a caccia di un’insperata qualificazione.

Il video: