shinystat spazio napoli calcio news Spalletti: "Napoli con un giorno in più di riposo, dobbiamo dare dimostrazione di maturità"

Spalletti: “Napoli con un giorno in più di riposo, dobbiamo dare dimostrazione di maturità”


Con il Napoli che prosegue il suo silenzio stampa, a parlare sono gli avversari, in particolare Luciano Spalletti che ha analizzato così in conferenza stampa il momento della sua Roma: “Con la Lazio abbiamo fatto una buona gara e ci sono ancora speranze per il ritorno. Negli ultimi  minuti abbiamo fatto anche un forcing in cui rischiavamo di perdere equilibrio, anche se non ci siamo scoperti poi troppo. Ora bisogna pensare al Napoli, perché non possiamo modificare quanto successo, ma dobbiamo dare seguito a quanto fatto finora”.

Gara col Napoli: “Domani sarà una gara difficile e delicata, perché sappiamo le qualità del Napoli e di Sarri di cui ho già parlato abbondantemente e oggi non lo farò per pensare al mio orticello. Il Napoli è una squadra matura, e noi dobbiamo dare dimostrazione di maturità contro di loro. Hanno un giorno in più di riposo ma non voglio fare compassione, ce la giocheremo ad armi pari: possiamo dare buono spettacolo”.

Perotti ed El Shaarawy dal primo minuto? “Non siamo stanchi, ma siamo pronti a cambiare qualche uomo durante questo periodo duro. Domani forse sarà così”. 

Chi è più forte tra Roma e Napoli? “Quando ci sono giocatori del livello di Roma e Napoli è difficile dire chi sia più forte ma dipende dalla supremazia in determinati momenti. In alcuni casi una squadra può essere più pronta dell’altra in un occasione e viceversa”.

Sui cori razzisti a Rudiger: “C’è un grande percorso da fare per metterci al pari col calcio europeo. All’estero attaccano questo tipo di problemi che sono gravissimi. Ci sono persone che meriterebbero di vivere un giorno da non vedenti per vedere realmente chi hanno davanti”.

Paura di non vincere nulla? “Paura è una parola che non mi piace per niente, vogliamo provare a far meglio”. 

Dzeko potrebbe essere stanco giocandole tutte? “Secondo me a Milano ha giocato una grande partita, ma l’altra sera è stato sottotono. Per dire che è stanco però ci vogliono un po’ di partite in più di basso livello. Altrimenti può essere una sola partita sbagliata. Uno che ha il valore assolto che ha lui può essere non brillante a volte ma sa riprendersi in fretta”.

Preferenze privacy