shinystat spazio napoli calcio news Retroscena - Zunino (capo scouting): "Callejon fu preferito a Cerci con un metodo scientifico. Segnaliamo 5 giocatori al giorno"

Retroscena – Zunino (capo scouting): “Callejon fu preferito a Cerci con un metodo scientifico. Segnaliamo 5 giocatori al giorno”


La scorsa estate Benitez ha chiesto un calciatore in grado di garantire fase difensiva e gol, da far giocare a destra nel 4-2-3-1. Tra le alternative c’erano Callejon e Cerci”. Così, sulle colonne de Il Mattino, Marco Zunino (capo scouting del Napoli) ha spiegato il ballottaggio di mercato della scorsa stagione ed in seguito il metodo col quale è stato scelto lo spagnolo.

Le caratteristiche dei due vennero suddivise in porzioni all’interno di una “torta” tattica. C’era equilibrio per la fase offensiva, così a determinare la scelta fu la fase difensiva: 29% per Callejon contro l’8% di Cerci.

Continua Zurino: “A Napoli, con Bigon, ho avuto la possibilità di studiare in maniera approfondita e di sviluppare questo metodo basato sul Ruolo Tattico. Il primo tentativo per farlo diventare una metodologia lo avevo fatto nella stagione 2006-2007 alla Juventus, con l’allora responsabile dello scouting Pasquale Sensibile. A Napoli sono riuscito a farla diventare una metodologia testata al massimo livello. Il ruolo viene registrato nella scheda anagrafica di ogni singolo calciatore presente nella banca dati, per consentire, in un secondo momento, la ricerca mirata per ruolo, ma con l’inserimento del Ruolo Tattico: quella che nella norma è un’azione ordinaria diventa un’azione strategica”.

C’è poi il Fact Checking, “il controllo delle informazioni sui calciatori segnalati quotidianamente al direttore Bigon – spiega Zunino – per una media di 3-5 calciatori segnalati ogni giorno dell’anno (circa 1.500 calciatori segnalati nell’anno solare), informazioni che richiedono una risposta immediata, via sms”. Quando un anno fa è arrivato Benitez, ricorda il capo scouting del Napoli, ex giornalista che per il «Guerin Sportivo» curava le pagine del calcio internazionale, “è stato esaminato il suo sistema di gioco nelle precedenti esperienze professionali. Sono bastate poche ore di lavoro per approntare una lista di calciatori da mettere a disposizione del tecnico i dati per calciatori adatti al 4-2-3-1”. Nulla dunque, viene lasciato al caso…