shinystat spazio napoli calcio news Napoli, pochi dubbi per Benitez. Sulla trequarti...

Napoli, pochi dubbi per Benitez. Sulla trequarti…


Qualche cambio, però obbligato. Stavolta non c’entra il turn over. Proprio no. Mai avrebbe voluto cambiare tanto. Questione di equilibri tattici ritrovati e di condizone. Fisica e mentale. L’obiettivo è ora vincerle tutte fino allo scontro diretto con la Roma. Sassuolo subito, poi il Genoa al San Paolo e Livorno. Niente tabelle, quelle non se ne fanno: un po’ portano pure male. Però il calendario è agevole, e le prossime tre sono un’opportunità. Vincerle e vedere contemporaneamente la Roma che fa. Questo il progetto. Il secondo posto è oro. E’ denari, gloria e sviluppo ulteriore del progetto. Assicurato. Benitez insiste. Ogni discorso nello spogliatoio ha un senso preciso: vabbé le Coppe e il fascino del trofeo da alzare, però è il campionato che può riportare il Napoli tra le grandi d’Europa.

I migliori in campo, allora. Quando è possibile. I migliori per rendimento e momento. A Sassuolo il turn over è una necessità: la formazione l’ha fatta il giudice sportivo. Tre gli squalificati e tutti titolarissimi: Inler, Jorginho e anche Callejon fuori per un turno. Cumulo di gialli. Troppi. E altri, tanti e già da diffida, li hanno pure Higuian, Pandev e Albiol. A rischio per le prossime. Occhio a tutto, insomma. Cartellini, fatiche e botte da smaltire, lo Swansea incastrato tra il campionato e soprattutto l’obiettivo finale, la priorità: un posto Champions certo senza passare per i preliminari. La Roma è nel mirino. Non è imbattibile. E’ dimostrato. E poi dovrà tornare al San Paolo. E pure quella sarà una sfida da dentro o fuori. Secca. Quattro punti di vantaggio e una partita da recuperare sono tanti, non tantissimi.Sassuolo prima però. Con chi c’è e con chi può. I dubbi sono pochi, eppure ci sono. Behrami e Dzemaili in mediana, la coppia favorita. Quasi certa. Pure se Henrique sta mettendo minuti e sicurezza nelle gambe. E Benitez apprezza. Il brasiliano con casa da scegliere zona Posillipo è un’opzione. Per ora farà staffetta. Forse con Behrami. Che è da un po’ che non gioca tutta una partita. Centrocampo fatto, se Benitez è d’accordo. E la difesa anche. Reina ieri s’è allenato a parte: acciacchi e stress da respingere in calcio d’angolo. Rafael c’è. Pronto. Ma pure Reina, e vuole giocare. Come Revéillère. Che spera di insidiare Maggio e Ghoulam. Difficile. Albiol-Fernandez centrali. Scelti, convincenti e confermati. I dubbi, insomma, sono tutti avanti. O almeno le riflessioni. Higuain le gioca tutte. E dovrebbe pur riposare. Ma chi lo ferma. E’ carico, decisivo più che mai, segna e fa sognare. E poi, dopo Bergamo, si fa fatica ad immaginarlo fuori. Higuain sì, quindi. E Mertens anche. E così Insigne e Hamsik. Sembra. Pandev resta l’alternativa, la possibilità concreta, l’uomo per tutti i ruoli. Può fare il rifinitore e il centravanti. Ma pure aspettare ancora un po’ e prendersi una maglia in Europa League. Stamattina rifinitura e dopo pranzo la partenza. Un po’ di corsa, qualche esercizio, la partitina e le pettorine. Ieri le prime indicazioni, oggi si aspettano conferme. Quelle che vuole anche Benitez. Di risultati però. Gioco, prestazioni e vittorie. E allora sì che la formazione sarà stata quella giusta.

Fonte: Francesco Modugno, Corriere dello Sport