shinystat spazio napoli calcio news La Spagna piange: è morto Luis Aragones

La Spagna piange: è morto Luis Aragones

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

E’ morto questa mattina alle 6.15 all’età di 75 anni Luis Aragones, storico commissario tecnico della Spagna che ha guidato le furie rosse al successo in Austria-Svizzera agli Europei del 2008.

Ha iniziato a vincere nel 1965, una coppa del Re da calciatore nell’Atletico Madrid, ha smesso nel 2008 con il trionfo più bello, l’Europeo in Austria-Svizzera del 2008 da commissario tecnico della Spagna. Oggi il suo paese lo piange. Se ne è andato infatti a 75 anni Luis Aragones. E’ morto questa mattina alla clinica Cemtro de Madrid alle 6.15.

TRIONFI E POLEMICHE — Spagna a lutto per uno degli allenatori più amati ed anche contestati della storia del paese. Ha vinto tutto con l’Atletico da calciatore e poi da allenatore fino all’Intercontinentale del ’74 ma anche una Coppa di Spagna nel 1988 col Barcellona. Ha girato mezza Spagna guidando 8 club diversi ma alla fine tornava sempre coi Colchoneros. L’ultima esperienza però è andata male, esonerato nel 2009 al Fenerbahce, l’unica volta peraltro che ha allenato un club straniero. Contestato per le sue frasi molto poco politically correct come “Reyes, dì a quel negro di m…, a quel figlio di p…, che sei meglio di lui” riferita a Thierry Henry. Anche in Italia ricordano parole poco tenere nei confronti di uno degli eroi del trionfo del mondiale 2006: “Se Gattuso è fondamentale, allora io sono un prete…” Ci ha fatto male soprattutto però quando nel 2008 superò gli azzurri ai rigori nei quarti dell’Europeo che poi vinse in finale contro la Germania. A dicembre scorso l’addio al calcio: “E’ difficile per me allenare, preferisco sentir parlare di me come ex tecnico”. Oggi l’ultimo applauso.
Fonte: Gazzetta.it
Preferenze privacy