shinystat spazio napoli calcio news Avversaria EL, Swansea punito in casa dal City. Al Liberty Stadium termina 2-3 per i citizens

Avversaria EL, Swansea punito in casa dal City. Al Liberty Stadium termina 2-3 per i citizens


Lo Swansea ospita il Manchester City per l’anticipo della 20. giornata di Premier League. I gallesi non vivono un eccellente periodo: sebbene la squadra si sia dimostrata sempre viva e pimpante, nelle ultime cinque partite sono arrivate due sconfitte e tre pareggi. Laudrup dovrà fare a meno ancora di Michu (operato a dicembre) e in attacco si affida a Bony. Questo il suo 4-2-3-1: Tremmel, Rangel, Chico, Williams (c), Davies, Canas, de Guzman, Shelvey, Hernandez, Routledge, Bony. Dall’altra parte, la squadra allenata da Pellegrini, viene da un buon momento dopo essersi portata ad un solo punto dall’Arsenal capolista nello scorso turno. I citizens per questa gara dovranno rinunciare ad Aguero, ancora ai box, ma ritroveranno in campo Negredo dopo il turno di riposo concessogli dal tecnico cileno che quest’oggi schiera Hart, Zabaleta, Kompany (c), Nastasic, Kolarov, Navas, Fernandinho, Yaya Toure, Nasri, Negredo, Dzeko.

LA PARTITA –  Inizio in discesa per la squadra di Manchester che al 14′ minuto approfitta di una dormita della difesa gallese e su sviluppi di calcio d’angolo trova il gol con Fernandinho che dai 20 metri trafigge un incolpevole Trummel. Lo Swansea cerca di non perdere entusiasmo e si riversa in avanti alla ricerca del pari, ma concede il fianco alle ripartenze del City guidate da uno scatenato Jesus Navas. Nel finale di primo tempo la scena, però, è tutta per i padroni di casa autori di un ottimo possesso palla e pericolosi in due occasioni con Shelvey. E’ il preludio al meritato pareggio che arriva poco dopo grazie alla rete di Bony che di testa insacca il pallone alle spalle di Hurt. Posizione di sospetto offside per il centravanti ivoriano dello Swansea.

Il secondo tempo si apre sulla falsa riga del primo: buona intensità e palleggio dello Swansea in grado di mettere alla corde il Manchester City, che però passa proprio nel momento di maggior difficoltà trovando il gol grazie ad un magnifico Yaya Tourè: conclusione vincente dal limite dell’area di rigore per il decimo sigillo in campionato del centrocampista ex Barça. Lo Swansea non si arrende ma la troppa confidenza nel fraseggio, perseguito con insistenza anche in fase di rimessa, espone la non impeccabile difesa gallese a troppi rischi. Al 66′ infatti è Kolarov a sfruttare le indecisioni di Williams e compagni per il gol del 1 a 3 che indirizza la partita sui binari del Manchester City. Così come contro il Chelsea, i ragazzi di Laudrup si lanciano a testa bassa per un vero e proprio assedio finale, utile solo per accorciare le distanze: nei minuti di recupero è ancora Bony che dal nulla si inventa una conclusione vincente e da fuori area trova la rete del definitivo 3 a 2.

Ancora una sconfitta onorevole per lo Swansea che si dimostra incapace di vincere. City non bello ma cinico, al quale va il merito di aver sfruttato tutte le occasioni concesse dalla difesa avversaria. Nel prossimo turno i gallesi affronteranno un’altra sfida proibitiva: saranno di scena all’Old Trafford per sfidare lo United di Wayne Rooney.

Antonio Allard