shinystat spazio napoli calcio news ADL e Bigon blindano i gioielli di casa: ci sono anche due giovanissimi

ADL e Bigon blindano i gioielli di casa: ci sono anche due giovanissimi


lorenzo_insignePerché domani è sempre un altro giorno. E val la pena di affrontarlo preparati, evitando le insidie d’un calcio famelico e lasciando che il nemico la smetta di osservare le stelle da lontano. Perché il mercato vive, quotidianamente, e l’alba d’un nuovo contratto va tinteggiata d’azzurro, ad oltranza. Perché Hamsik e Insigne introducono – ognuno a modo proprio – in quel futuro da opzionare a cresta alta e dribblando le tentazioni. Rinnoviamo: detto e fatto, in sequenza rapidissima, il contratto nella mano destra e il Napoli avvinghiato a sé con la sinistra, affinché sia un abbraccio perenne. Perché dietro un contratto si nascondono certezze.

MAREK E’ CHIARO – La scelta di vita è nei fatti, in quella volontà manifestata sin dal 2007, l’anno dell’approdo, e poi nella firma sistematica per ribadire che non c’è altro che Napoli a casa Hamsik. “Io qui sto bene e ci sta bene la mia famiglia. Non avverto il desiderio di cambiare, sono felice”. Giugno 2018, la nuova frontiera è quella, sino a prova contraria e comunque aspettando la prossima fumata azzurra, destinata a ricomparire nell’estate che verrà, puntualissima.

MAGNIFICO – Ma i figl so piezz ‘e core e Lorenzo Insigne, lo scugnizzo di Frattamaggiore, capofila d’una dinastia nella quale è entrato di slancio anche Roberto – ora in prestito al Perugia, dopo aver apposto il suo primo autografo su un contratto – è stato letteralmente sottratto alla umanissima curiosità con l’adeguamento e il prolungamento: cinque anni ancora pure per lui, e dunque scadenza nell’estate 2018, perché oltre non si può andare. Con saluti al Sunderland, che s’era presentato nel giugno scorso per avere notizie, e che rappresentava una minaccia all’orizzonte.

BABY D’ORO – Ma nel calcio del Terzo Millennio bisogna spingersi oltre, giocare d’anticipo e comunque blindare i gioiellini che stanno crescendo all’ombra dei fuoriclasse: Riccardo Bigon s’è portato un po’ di lavoro avanti ed ha puntato forte su quella beata gioventù che lancia segnali entusiasmanti: Antonio Romano e Luca Palmiero hanno avuto la capacità di colpire pure Benitez. Il legittimo riconoscimento è nel primo contratto: perché domani sia un gran bel giorno.

Fonte: Il Corriere dello Sport