shinystat spazio napoli calcio news Prima al San Paolo, Benitez punta su Higuain e gli assi spagnoli

Prima al San Paolo, Benitez punta su Higuain e gli assi spagnoli


higuain_1018273Libero1

Higuain, la grande attrazione contro il Bologna. Il Pipita è il volto nuovo più atteso. E poi i due spagnoli campioni del mondo, il portiere Reina e il difensore centrale AlbiolCallejon è in lotta per una maglia in attacco con Insigne ma in base alle ultime indicazioni della rifinitura partirà dalla panchina, come l’altro neoacquisto Mertens, e ovviamente l’altro portiere, il brasiliano Rafael. In tribuna invece è atteso Zapata, l’attaccante colombiano acquistato dall’Estudiantes annunciato oggi a Napoli per le visite mediche e la firma del contratto.

Higuain all’esordio in campionato, a caccia del primo gol l’argentino. Ci riuscì nell’esordio in amichevole contro il Benfica in una serata in cui la sua condizione non era brillante. Adesso con due settimane di allenamenti in più nelle gambe sta sicuramente meglio e anche il morale è sensibilmente più alto per il gol a Buffon e la grande prestazione con l’Argentina contro l’Italia all’Olimpico di Roma. Il nuovo top player del Napoli, quello che dovrà far dimenticare velocemente Cavani, il Matador che in tre anni ha segnato 104 reti in maglia azzurra. La media realizzativa del Pipita è stata straordinaria con il Real Madrid (121 gol il 264 partite), come straordinaria è la sua media gol con la nazionale argentina (20 reti in 34 partite). Il vero colpo del mercato estivo del Napoli e più in generale di tutto il calcio italiano, l’investimento più costoso: 40 milioni di euro. L’argentino già idolo del San Paolo, uno degli attaccanti più attesi del campionato italiano, in corsa anche per la classifica dei bomber.

L’altro ex del Real Madrid che sarà in campo dal primo minuto è Albiol, difensore centrale, anche lui elemento di grandissima esperienza, campione del mondo e d’Europa della Spagna, impegnato nell’ultima Confederations Cup in Brasile. Giocherà in coppia con il difensore uruguaiano Britos, l’unico sinistro tra i centrali del Napoli, in panchina Paolo Cannavaro. Albiol, l’altro grande colpo del mercato azzurro, anche lui atteso al debutto vero dopo le partite giocate in precampionato con una condizione non ancora ottimale. Dovrà conferire maggiore sicurezza ed esperienza al reparto arretrato, soprattutto perché è abituato a giocare nella difesa a quattro, ruolo ricoperto sia nel Real Madrid che nella nazionale spagnola. Albiol può anche giocare da laterale destro o all’occorrenza da mediano davanti alla difesa.

In porta Reina, spagnolo campione del mondo anche lui ex Liverpool, portiere espertissimo, freddo e molto bravo con i piedi. Praticamente perfetto nel suo esordio in maglia azzurra a Londra, contro l’Arsenal, parò tutto e anche un calcio di rigore. Portiere sul quale Benitez ha dato subito il suo ok, dopo il no di Julio Cesar al trasferimento in maglia azzurra.

Si gioca fino all’ultimo una maglia da titolare Callejon, lo spagnolo, fedelissimo di Benitez, la prima scelta come esterno destro ma che può giocare anche a sinistra, o centrale. In lotta per una maglia con Insigne, che in settimana ha saltato l’allenamento di giovedì per un virus intestinale, ancora un passo più indietro però rispetto al talento di Frattamaggiore e soprattutto a Pandev, il macedone che in questa fase è il più in forma tra gli attaccanti. In panchina andrà anche Mertens, l’attaccante belga, nazionale, ex del Psv, l’alternativa a sinistra a Lorenzo Insigne. Atteso allo stadio San Paolo anche il colombiano Zapata, l’attaccante acquistato in settimana dall’Estudiantes, il vice Higuain, previste le visite mediche e un salto allo stadio se dovesse farcela in tempo utile. Lunedì comincerà gli allenamenti e si aggregherà al gruppo per la trasferta di Verona contro il Chievo, il suo arrivo libererà la cessione di Calaiò al Genoa.

Fonte: Il Mattino