Home » calciomercato napoli » Napoli, resta viva la pista Sanchez

Napoli, resta viva la pista Sanchez

Sanchez-Barcellona-11NAPOLI SANCHEZ – Idee sul tavolo. Da sviluppare: dall’attacco, che è la priorità, come ha detto anche Benitez senza mezzi termini, alla difesa. Dove la pista più suggestiva tenuta in freddo da Rafa è quella che porta a Martin Skrtel. Amico di Hamsik nonché pupillo ai tempi del Liverpool. Uno sul quale i tabloid inglesi stanno ricamando mica poco, negli ultimi giorni. Fino ad annunciarne la cessione imminente al Napoli: in prestito. Tutto ciò accadeva ieri. Ma L’attaccante cileno del Barça in Spagna non ha convinto Ma Bigon può portarlo in azzurro attraverso la formula del prestito oneroso: si trattaSkrtel, che è un difensore di razza e anche un tipo molto
tosto, ha subito smentito a un’emittente slovacca: «Non è così» . Però l’idea resta: in freezer e pronta per l’uso al momento giusto. Ovvero dopo aver piazzato almeno uno o due colpi in uscita. Identico il discorso del centrocampo, mentre l’attacco è l’unico reparto da considerare realmente scoperto in una casella. Per la legge di Rafa.
LA CILIEGINA – E allora, si parte dalla necessità: Benitez vuole un altro attaccante, e lo vuole per poter essere ancora più competitivi sia in Italia sia in Europa. Il reparto è già molto ben fornito, considerando gli innesti di Higuain, Callejon e Mertens, e le conferme di Hamsik, Insigne, Pandev e Calaiò (che però resta in uscita), ma lui vuole il valore aggiunto. La ciliegina. Un altro uomo di punta che garantisca gol e anche qualità lungo l’intero arco d’attacco: dalla trequarti in su.
IL RETROSCENA – Al di là di Jackson Martinez, che sarà anche avversario del Napoli domenica, in occasione della seconda giornata dell’Emirates Cup a Londra, il d.s. Bigon s’è messo sulle tracce di Alexis Sanchez. Anzi, è da un bel po’ sulle tracce della stella della Nazionale cilena: tempo fa, prima ancora del cambio tecnico e dell’arrivo di Rafa, ci fu un contatto informale con il manager dell’attaccante, Fernando Felicevich. Il medesimo che assiste Vidal e con il quale, un paio di estati fa, andò avanti anche la trattativa Per completare la difesa resta sempre di attualità il nome di Skrtel, che gli inglesi danno in partenza per l’Italia Lui, però, per ora smentisce…per arrivare al mediano poi finito alla Juve. Un retroscena
che spiega quanto possa interessare, uno come Sanchez. Uno che, diciamola tutta, non ha certo bisogno di presentazioni: in Italia, con l’Udinese, segnò a valanga e regalò giocate di altissima scuola, tanto da meritare poi l’onore del Barcellona. In Catalogna, un po’ per qualche problema fisico iniziale e un po’ per la concorrenza di altissima qualità, il Maravilla non è mai riuscito a ripetersi: il Napoli sta provando a capire se ci sono i margini per un’operazione in prestito oneroso, ma la palla è tra i piedi del Tata Martino, il nuovo tecnico del Barça che ovviamente vuole valutarlo al millimetro. «Ci guardiamo intorno, senza fretta» , le parole pronunciate lunedì dal d.s. Bigon prima della partita con il Galatasaray. Un discorso che non fa una grinza.
FRONTE SLOVACCO – Per un attaccante da trovare, un difensore congelato: a Benitez non dispiacerebbe mica un altro marcatore di livello come Albiol e Cannavaro, e in quest’ottica Skrtel è di certo un elemento che farebbe al caso del Napoli. Tra l’altro, a quanto pare non rientra più nei piani del Liverpool: ecco perché le indiscrezioni, ieri, sono diventate un prestito annunciato. E subito smentito da Skrtel in persona: «Non è così, non è vero» , la sintesi del suo discorso ai media slovacchi, sempre molto attenti quando si parla di Napoli, considerando l’esperienza di capitan Hamsik. Una smentita momentanea che, però, non significa chiusura: la storia è in piedi ma è in stand-by. E aspetta soltanto di essere trattata con maggiore attenzione dai diretti interessati. In uscita, possibile la cessione di Vitale alla Juve Stabia

LEGGI ANCHE:   Conte avvicina Ndombele al Napoli: il gesto del tecnico è chiaro

Fonte: Corriere dello Sport