shinystat spazio napoli calcio news San Paolo, corsa contro il tempo: al lavoro 9 aziende

San Paolo, corsa contro il tempo: al lavoro 9 aziende


Stasera tutti al San Paolo: il record di presenze stagionale rischia di crollareMa può la cosiddetta Capitale del Sud avvicinarsi al San Paolo ed avvertire l’acqua alla gola per un certificato di agibilità che danza nel vuoto? Ma si può restare aggrappati al vago senso della precarietà, con il calendario che fa girare le sue pagine velocemente, il 30 giugno che ormai è arrivato, il 9 luglio che è alle porte, il 10 che è oltre quell’uscio e restare al di qua delle transenne d’un impianto che mostra per intero le proprie crepe? Sarà mai possibile che ci sia una così evidente forbice tra l’efficienza del Napoli e l’inefficienza della macchina amministrativa?

LAVORI FORZATI – Si gioca, tra un po’, e magari si riuscirà a farlo in quel San Paolo che resta aperto come cantiere al sabato e alla domenica, che si affida allo spirito di sacrificio di nove aziende “convocate” dal Napoli per un match che ha un sapore specialissimo: evitare un doloroso trasferimento a Palermo, scongiurare il rischio di una figuraccia che rappresenterebbe una macchia per Napoli e un pregiudizio anche economico per il Napoli.

RINNOVIAMO – Il Napoli ha le idee chiare, ha studiato in giro per l’Europa e saprebbe come fare, dove intervenire, come sussurrato da De Laurentiis in un recentissimo passato: “Io ho un progetto in testa da quattro anni”. Ci sono immagini che restano: l’Allianz Arena ha stordito chiunque, Napoli compreso, che ha avuto modo di osservare quel capolavoro di modernismo dalla pancia; ma niente male, anzi, persino il vecchio Old Trafford, che lascia traspirare storia e pure efficienza. Il tour di De Laurentiis – nei mesi scorsi – è stato ampio: mica solo l’Etihad Stadium o Stamford Bridge;  analisi sparse anche tra l’Emirates e Amsterdam e Eindhoven.

LA FERITA – Il San Paolo ha problemi misti sui quali il Napoli, in accordo con il Comune, ha cominciato a lavorare dal 13 maggio: manco il tempo di emettere il triplice fischio di chiusura della stagione e si cominciava a spicconare gli intonaci, a rimuovere le infiltrazioni, a ripristinare i cupolini; a rifare i bagni crollati in una delle curve e a restituire dignità a quelli degli altri settori; ad intervenire sull’impianto di illuminazione. Venerdì De Laurentiis e il sindaco De Magistris hanno parlato, ma solo del certificato di agibilità, che è la condizione irrinunciabile per non doversi ritrovare costretti a mettere la palla al centro alla favorita e ieri il primo cittadino ha di nuovo espresso, stavolta attraverso Crc, il suo personale ottimismo: “Io sono fiducioso e ci sto mettendo la faccia. Nel passato c’è stata un po’ di superficialità ma adesso stiamo facendo in modo da programmare uno stadio nuovo: e questa la volontà comune del sottoscritto e di De Laurentiis. Quando si parla di agibilità si parla di sicurezza: stiamo procedendo ma non voglio neanche prendere in considerazione l’ipotesi che il Napoli debba giocare altrove”.

Fonte: Il Corriere dello Sport