shinystat spazio napoli calcio news Benitez, pragmaticità ed attributi al servizio del Napoli

Benitez, pragmaticità ed attributi al servizio del Napoli

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

benitezUno spagnolo napoletano con lo stile inglese. Rafa Benitez si calerà benissimo nella sua nuova dimensione: Liverpool, dove ha lavorato dal 2004 al 2010, è ribattezzata la Napoli d’Inghilterra. Stessa passionalità, stesso culto per la musica, stesso estro: lo spirito delle città di mare. Benitez è un uomo razionale, che non lascia trapelare le sue emozioni. A Londra è stato una sfinge: insultato dal primo giorno, non si è mai scomposto, trascinando la squadra al terzo posto e conquistando l’Europa League. È l’esatto contrario di Mourinho: forse per questo i due non si amano. Rafa non fa conferenze stampa di fuoco. Non lancia proclami. Non ama la platealità. Non compie gesti eclatanti. Ma se ti fa la guerra, o gli sei nemico, è più duro di Mou.

I media Anche Rafa, come Mou, ha un personale addetto stampa. Si chiama Juanfran. Lavorava a Marca. Controlla i media di tutto il mondo e bisogna passare attraverso di lui per avere rapporti giornalistici con il tecnico spagnolo. Da quando è stato annunciato il matrimonio tra Benitez e il Napoli, ha già ricevuto oltre 40 richieste di interviste in esclusiva da Spagna, Inghilterra ed Italia. Tutti hanno ricevuto un secco, ma cortese “no”: Rafa non parlerà fino al giorno della presentazione ufficiale. I cronisti italiani, in particolare, dovranno darsi da fare per conquistare la fiducia di Benitez: non conserva un buon ricordo dei suoi mesi trascorsi all’Inter. È stato trattato come un sempliciotto: in realtà, è stato l’ultimo allenatore di spessore internazionale alla corte di Moratti.

I metodi Rafa è un pragmatico. Lavora a stretto gomito con il suo staff. È molto attento alla tattica, soprattutto alla fase difensiva. Ha spostato Luiz a centrocampo per sfruttarne le doti tecniche, ma anche per evitare qualche errore di troppo al centro dell’area. Ha fatto del turn over una religione: è stata la chiave vincente per arrivare alla partita numero 69 stagionale del Chelsea con una condizione fisica decente. Ha gestito bene personaggi ingombranti come Terry e Lampard, gente che ha scatenato la guerra contro Villas Boas.

Torres Si fida ciecamente di chi sta con lui: in campo e fuori. Per questa ragione, gli spagnoli Azpilicueta, Mata e naturalmente Torres sono stati i suoi punti di riferimento. Potesse, li porterebbe con sé a Napoli. Dovendo scegliere, vorrebbe Torres, che conosce a memoria i suoi schemi d’attacco. Benitez è un osso duro anche per i dirigenti. Sposa la causa del club, ma senza compromettere la sua dignità. Un personaggio influente del Chelsea, che vuole rimanere anonimo, ci ha raccontato: “È l’allenatore più politico che abbiamo avuto. È attento agli equilibri, informato e furbo. Sbaglia chi pensa che sia un pacioccone. Ha gli attributi. Si fa rispettare dai giocatori. Negli spogliatoi ci sono sempre i figli di buona donna. Con lui non hanno vita facile”. Chiaro il concetto?

Fonte: La Gazzetta dello Sport

Preferenze privacy