shinystat spazio napoli calcio news Asamoah: "Dipende tutto da noi!"

Asamoah: “Dipende tutto da noi!”


C_3_Media_1545769_immagine_ts673_400Kwadwo Asamoah arrivato a Torino, sponda bianconera, la scorsa estate con la fama di ottimo centrocampista centrale è stata reinventato da Conte nel ruolo di esterno sinistro, con egregi risultati. Il nazionale del Ghana è stato infatti uno dei migliori giocatori della prima metà della stagione, un’arma in più nello scacchiere bianconero ed è da poco rientrato dalla Coppa d’Africa.

Il giocatore ha rilasciato una lunga intervista al Corriere dello Sport in vista della sfida con il Napoli di venerdì sera. Tanti gli argomenti affrontati e le considerazioni fatte da Asamoah. Di seguito riportiamo le parole rilasciate dal giocatore bianconero:

Kwadwo Asamoh, che partita s’aspetta?
“Difficile, però non ho paura. Dipende tutto da noi: se faremo quel che sappiamo, e giocheremo con cattiveria, non falliremo”.

Sarebbe un bel passo verso lo scudetto…
“Non credo si decida niente, rimarrà ancora un lungo tratto da percorrere. Ad ogni modo, abbiamo il destino in mano: se continueremo a vincere, nessuno potrà raggiungerci. Né il Napoli, né le altre inseguitrici”.

Giusto identificare gli azzurri con Cavani?
“E’ un calciatore importante, come del resto Hamsik, ma noi pensiamo alla squadra, non ai singoli. Il Napoli è forte nel suo complesso, non dipende da un fuoriclasse”.

La Juve, però, un goleador così non ce l’ha, e in ogni sessione di mercato sbuca il top player: serve davvero?
“Vedremo a fine stagione. Io dico che abbiamo giocatori forti e importanti”.

Esempio: Andrea Pirlo…
“Lo seguo da quand’ero ragazzino e mi è sempre piaciuto: tra i motivi di felicità, quando ho detto sì alla Juve, c’era la possibilità di poter giocare al suo fianco”.

Altri modelli?
“Muntari: l’ho studiato a lungo”.

Lei ha giocato per anni nel cuore del centrocampo, ma ormai s’è trasformato in esterno…
“Ho sperimentato la nuova posizione nel ritiro di Chatillon. E proprio contro il Napoli, a Pechino, l’ho ricoperta per la prima volta in una partita ufficiale. Mi piace, ho arricchito il mio bagaglio: adesso tutti sanno che Asa può ricoprire più ruoli”.

La Supercoppa è stato il suo primo trofeo…
“Un’emozione unica: sono venuto alla Juve per vincere”.

Davvero l’aveva cercata anche il Napoli?
(sorride) “Mi avevano cercato diverse squadre: ho scelto la maglia bianconera e sono felicissimo”.

Prossimo sogno?
“Lo scudetto. Per me sarebbe il primo e la Juve si confermerebbe in Italia: il massimo”.

La Champions League?
«E’ dura, ma vogliamo essere protagonisti come le grandi Juventus del passato: possiamo riuscirci perché siamo forti come gruppo, ci aiutiamo tutti per cercare di andare lontano. Prima di tutto, però, prendiamoci i quarti: il 3-0 di Glasgow è un bel vantaggio, ma guai abbassare la guardia».

Quali ambizioni coltiva invece con il Ghana?
“Vincere la Coppa d’Africa. Quest’anno è andata male, ci riproveremo: è mancato qualcosa sul piano dell’esperienza, ma abbiamo giovani di spessore e margini di crescita notevoli”.

Mentre lei era in Nazionale, la Juve ha vissuto il suo momento più delicato: coincidenza?
“Assolutamente sì: la Juve è composta da tanti calciatori importanti e se manco io ce ne sono altri bravissimi. Può capitare, semplicemente, di non vincere qualche partita”.

Conte sostiene che diventiate più vulnerabili quando smarrite fame e ferocia agonistica…
“Proprio così: per questo a Napoli dovremmo essere cattivi”.

Torniamo alla Coppa d’Africa: possibile, come ha rilevato l’allenatore nella notte di Roma-Juve, che un mese e mezzo di lontananza possa aver fatto di lei un pesce fuor d’acqua?
«Il rientro è sempre difficile, mi era successo già due anni fa dopo l’Angola. Incide il cambio del clima, lascia tracce l’interpretazione di un gioco molto fisico: tornare al top, però, dipende solo da me, ho lavorato sodo e sono concentratissimo».

A Napoli ritroverà Armero e Inler, compagni a Udine…
“In questi giorni non ci siamo sentiti. Con Gockan mantengo contatti, però non parliamo mai di calcio”.

Nella fucina friulana c’era anche Sanchez: dicono sia infelice al Barça e piaccia alla Juventus…
“Possiede grandi qualità, è velocissimo: dovesse venire, potrebbe darci una mano”.

Lei a Torino s’è ambientato in fretta…
“E’ una città grande ma tranquilla: l’avevo scoperta appena giunto in Italia, quando giocai per quattro mesi al Toro. Ci sto bene, come a Udine: ho scelto di vivere in centro”.

L’ambiente bianconero?
“Non pensavo di inserirmi così presto. Avevo accettato senza immaginare che sarei diventato titolare, invece ho trovato spazio e piena sintonia. M’impegno ogni giorno per migliorare, spero di rimanere a lungo”.

Una dote di Conte oltre la tattica?
“Ci sostiene quando qualcosa non va bene, ci aiuta a crescere anche attraverso il dialogo”.

Sa che Chelsea e Real Madrid lo corteggiano?
“Qui Conte è stato capitano, vincendo tutto, e appena tornato da allenatore ha restituito lo scudetto: è un simbolo della Juve e ha appena iniziato un progetto, credo e spero che resti”.

Fonte: Corriere dello Sport



ULTIME NOTIZIE

CHI SIAMO

Spazio Napoli è un giornale online in cui troverai: news Napoli, calciomercato Napoli, biglietti Napoli, foto Napoli, video Napoli, Primavera Napoli.

NUOVEVOCI

Appendice sportiva della testata giornalistica “Nuovevoci” – Aut. Tribunale di Torre Annunziata n. 3 del 10/02/2011

Direttore editoriale “SpazioNapoli.it”: Antonio Manzo

Direttore responsabile: Pasquale Giacometti

Iscrizione al Registro degli Operatori per la Comunicazione n. 22640, autorizzazione della Lega Serie A all’esercizio della cronaca audio/video.

Testata non ufficiale e non autorizzata da SSC Napoli Calcio

Contatti: ufficiostampa@nuovevoci.it

Copyright © 2015 Cierre Media Srl