shinystat spazio napoli calcio news Amichevole Italia-Russia, "patatrac" firmato Napoli

Amichevole Italia-Russia, “patatrac” firmato Napoli


Meglio adesso che poi, qualcuno a bisbigliato. Ma non è certo un buon biglietto da visita la sconfitta rimediata ieri sera dall’Italia di Prandelli, al cospetto di una Russia ben messa in campo e nulla più. Dopo un primo tempo dove le avvisaglie russe hanno spaventato la squadra azzurra, la quale ha sfiorato il vantaggio in qualche occasione, ma è sembrata pericolosamente in ritardo di condizione ed ancora lenta ed impacciata, allarme che ha fatto pensare ad un ritardo di condizione preoccupante in vista del debutto tra otto giorni contro i campioni d’Europa e del Mondo della Spagna,  nella ripresa, con l’ingresso in campo di De Sanctis al posto di Buffon, causa infortunio ad  una spalla per il portiere bianconero, la retroguardia azzurra ha perso in lucidità e concentrazione.

Nonostante un inizio incoraggiante, con Balotelli sempre pericoloso, e l’enorme occasione sbagliata clamorosamente da Marchisio, a tu per tu con l’estremo difensore russo, troppo precipitoso ed impreciso nel concludergli addosso la palla del possibile 1-0, ecco arrivare la rete di Kerzhakov, solo al centro dell’area di rigore, destro al volo e gol, con De Sanctis che osserva la parabola finire in porta. Ma il “brutto” deve ancora arrivare, poichè il duo napoletano Maggio-De Sanctis confeziona uno dei classici “patatrac” difensivi, con amnesia dell’esterno partenopeo che appoggia dietro con fare molle, e l’estremo difensore compagno di club in vistoso ritardo nell’accorgersi “dell’immane gesto”; 2-0 di Shirokov che ringrazia del regalo. La serataccia per la coppia napoletana non finisce qui, infatti il 3-0 è alle porte e bussa al ’89, con una innocua palla al centro deviata maldestramente da Maggio, il quale mette fuori causa l’intervento di Morgan.

Di certo non una buona prova per i due partenopei, che necessitano di un pronto riscatto a partire già dalla prima gara dell’Europeo, qualora dovessero far parte dell’undici azzurro. Prandelli ha di certo bisogno di oleare la manovra e di rodare il motore di una squadra apparsa in sofferenza.

Ecco il video della debacle azzurra:

[yframe url=’http://www.youtube.com/watch?v=XUnoBBp9fA4&feature=related’]

 

Preferenze privacy