De Laurentiis: “In Italia si gioca troppo. Bisognerebbe evitare le convocazioni per le amichevoli delle nazionali”

delaurentiis01g
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Un Napoli che sogna e fa sognare! Attivo su più competizioni e soprattutto voglioso di dimostrare e affermare la propria presenza nel calcio che conta. C’è attesa per il match contro il Cagliari, ma ancor di più per quello che tra una settimana vedrà la compagine partenopea sfidare il Chelsea a Stamford Bridge. La città freme, i tifosi sono in ansia e i giocatori non vedono l’ora di scendere in campo. E’ tanta la gioa anche negli occhi del presidente, Aurelio De Laurentiis che, intervenuto nell’edizione in prima serata del Tg1, ha commentato con orgoglio il cammino del suo Napoli.

“Ci sono troppi impegni, in Italia si gioca troppo non smetterò mai di ripeterlo – ha affermato con convinzione il patron azzurro – Il Milan ieri ha rischiato di uscire dalla Champions e questo non è accettabile. Se le squadre sono impegnate su più fronti non vedo per quale motivo vengano giocate anche le partite con le nazionali. Tra l’altro sono amichevoli e con le convocazioni dei vari giocatori, c’è il rischio di perderne qualcuno per infortunio o perché comunque la stanchezza si fa sentire. Quando si decideranno a darmi ascolto non sarà mai troppo tardi”.

Insomma, secondo il presidente, c’è urgenza di apportare cambiamenti ed è deciso più che mai a sostenere le proprie idee e a tentare di ottenere ciò che chiede. Infine, sul futuro del Napoli in Champions, e non solo, non ha dubbi: “sarà sempre più azzurro”.

Francesca Forte

 

Siamo anche su Google News: per seguire tutte le news sul Napoli Calcio clicca QUI

Segnala a Zazoom - Blog Directory