shinystat spazio napoli calcio news Il Mattino: Mazzarri e la voglia di relax

Il Mattino: Mazzarri e la voglia di relax

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Il saluto alla squadra negli spogliatoi, gli auguri con il presidente De  Laurentiis. Poi il messaggio ai suoi più stretti collaboratori: il suo desiderio  di staccare la spina fino al 30 dicembre, giorno della ripresa degli allenamenti  a Castelvolturno. La sua esigenza di relax per potersi ricaricare quando si  ricomincerà a fare sul serio.
Questo il comportamento di Mazzarri nel post  partita contro il Genoa: il tecnico è scappato via rapidamente dopo il 6-1, si è  infilato in auto per far ritorno a casa. Da ieri si è rifugiato in famiglia in  Toscana, a casa, con la moglie Daniela e il figlio Gabriele. Dieci giorni di  stop, senza calcio: non vuole parlarne con nessuno, resterà isolato anche dal  suo Napoli, salvo comunicazioni urgenti. Erano due mesi che Mazzarri non tornava  a casa. Campo, allenamento, ristorante e l’abitazione di Pozzuoli dove vive da  solo per scelta, per non farsi distrarre dal lavoro.
La voglia di scappare  via rapidamente dal San Paolo, l’ennesima rivincita consumata sul campo: una  vittoria larghissima per scacciare via i malumori per la sconfitta contro la  Roma e la voce, che aveva già smentito nella conferenza stampa di vigilia, di  sue presunte dimissioni a Vila Real. Mazzarri ha consumato la rivincita e si è  gustato la gioia in silenzio. L’aveva già fatto quest’anno in occasione di altre  vittorie importanti arrivate dopo critiche e tensioni. Decise di rimanere in  silenzio dopo il 2-0 all’Udinese al San Paolo, vittoria che arrivò dopo il  pareggio di Cagliari. E lo aveva fatto in maniera più clamorosa dopo il successo  contro il Villarreal in Spagna. La tensione per l’espulsione, la partita che non  riusciva a sbloccarsi, una partita fondamentale per la stagione. Dopo il  successo scaricò la tensione tra quattro mura, lui che è un tecnico molto  passionale e quest’anno deve fronteggiarsi con l’esigenza di far bene nella  Champions League (uno sforzo enorme) e in quella di riconfermarsi in campionato. “Questo gioco ad alzare continuamente l’asticella non mi piace”, questo il  concetto che ripete spesso. A lui interessa la squadra e il rapporto con i  giocatori. Sull’attaccamento di tutti gli azzurri non ci sono dubbi e ne ha  avuto l’ennesima conferma contro il Genoa con la grande prestazione e gli  abbracci a ogni gol. Gli è bastato questo. E non ha parlato, anche se le sue  dichiarazioni erano giustamente attese perché la conferenza stampa del post  partita fa parte del protocollo.

Fonte: Il Mattino

Preferenze privacy