La spinta del San Paolo per un sereno Natale

Napoli e i napoletani amano rispettare le sacre tradizioni e viverle nella più completa serenità. Prima di arrivare al Santo Natale e alle relative abbuffate bisognerà attendere l’esito di un altro appuntamento, anche lui annoverato tra le illustri tradizioni partenopee, per decidere se l’umore festivo sarà alle stelle o sotto i tacchi: si tratta di Napoli-Genoa, scontro “fratricida” rimandato e collocato in un frangente dalle forti polemiche e eccessivi affanni.

La valenza di questa sfida, quindi, diventa duplice. Da un lato la ricerca del gruppo Mazzarri di dare una scossa all’ambiente, spesso votato all’autodistruzione, ottenendo una vittoria paragonabile all’acqua nel deserto. Dall’altro, appunto, l’obbligo di regalare agli oltre quarantamila supporter presenti questa sera al San Paolo una gioia da sistemare tra i doni sotto l’albero e condividere col mare magnum del tifo napoletano.

La speranza è che l’aria natalizia allontani per un po’ sfortuna e sviste arbitrali evidenti, e raramente sottolineate, e ricrei la fantastica alchimia pubblico-squadra garanzia dei tanti successi degli ultimi anni.

 

Giorgio Longobardi

Siamo su Google News: tutte le news sul Napoli Calcio CLICCA QUI