shinystat spazio napoli calcio news CdS Pandev ci sarà

CdS Pandev ci sarà

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Natale in casa Pandev. Un buon Natale: da titolare, con un tridente (semi) nuovo  di zecca. Sì, la filastrocca da recitare con il Genoa è questa: Goran, Marek,  Edy. Manca Lavezzi, storia nota, e mancherà per un po’. E allora, vai con il  tridente dell’Est: ribaltate le gerarchie  sudamericane, cambia la geografia dell’attacco. Sotto a chi tocca con il Genoa:  il San Paolo è pronto. E vuole dimenticare la Roma.

IL VENTO DELL’EST- E allora, Goran il macedone.  Che stringerà i denti, perché è ancora un po’ acciaccato, ma che ieri ha  rassicurato Mazzarri: “Ci sono, ce la faccio, tranquilli”. Zac, convocato  e spedito in campo a cantare e inventare e incidere al posto del Pocho: insieme  con Hamsik e Cavani, a dare vita alla seconda volta del trio di attaccanti con  due uomini dell’Est: uno slovacco e un macedone insieme con un uruguaiano. La  componente latina ridotta al Matador, cambia lo slang del tridente. Soffia il  vento dell’Est, sul San Paolo: Pandev e Hamsik al potere, suggestiva come cosa  in una città così mediterranea.

LA PRIMA VOLTA- Suggestiva e semi nuova:l’unico precedente dal primo minuto di  questo mix risale alla partita di Bergamo con l’Atalanta. Quella della  sostituzione in corsa poco gradita da Pandev e del successivo mea culpa di  Mazzarri in diretta televisiva: il tecnico toscano lo sostituì proprio con  Lavezzi al 17′ del secondo tempo ripristinando la formula classica, il macedone  s’incavolò di brutto l’allenatore davanti ai microfoni, alle telecamere e ai  taccuini dichiarò che probabilmente avrebbe potuto tenerlo ancora in campo e che  ne comprendeva rabbia e orgoglio ferito. Indimenticabile. Certo, e del resto la  prima volta non si scorda mai.

E LA SECONDA- Anche la replica dovrà rimanere  scolpita nella mente di tutti. Anzi, di più: è questa la speranza concreta sia  del tecnico sia della squadra sia del pubblico. Il Napoli vuole vincere.  Rimuovere le scorie e la delusione della sconfitta di domenica con la Roma e  chiudere un 2011 comunque meraviglioso in bellezza. E a onor del vero, sotto  questo aspetto è sicuramente un ottimo viatico, tornare in campo dopo appena tre  giorni: ecco perché Mazzarri punterà sugli stessi uomini che hanno perso con i  giallorossi. Punta sulla voglia di riscatto.

IL GRAN RIFIUTO- Gli stessi? Pardon, quasi gli  stessi: c’è Pandev al posto dell’infortunato Lavezzi. E ci sarà anche dopo la  sosta natalizia e almeno fino a quando il Pocho non avrà smaltito il problema  muscolare rimediato domenica. Tra l’altro, quella di oggi è anche una partita  che racconterà una sfida personale nella sfida: perché Goran, in estate, ha  rifiutato il trasferimento proprio al Genoa. “Non posso immaginare che  giocatori come Pandev  possano avere perplessità a venire in questo club dove sono arrivati fior di  campioni”, dichiarò il presidente rossoblù, Enrico Preziosi, in tempi estivi  di mercato e di una complessa trattativa con l’Inter per la cessione di Palacio  (poi saltata). Beh, l’occasione insomma è ghiotta: il macedone avrà la chance di  aumentare rimpianti e rabbia.

LA CONCORRENZA- Ma non solo: avrà l’occasione di  confermare di essere un quarto tenore senza stecche. Senza nulla da invidiare ai  colleghi: soprattutto davanti alla prospettiva dell’ingaggio del gioiellino  cileno Edu Vargas. La concorrenza latina rischia di aumentare; Pandev soffia il  vento dell’Est. 

Fonte: Corriere dello Sport

Preferenze privacy