E te ne vai coi miei due punti tra le dita…

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Stadio San Paolo, ore 20.45

Tutto sembra pronto per dare il via a Napoli Juventus, una delle Sfide Scudetto valide per l’assegnazione del trofeo.

I capitani si incontrano per l’assegnazione del campo con il lancio di una moneta ma Buffon tira alto.

 Il campo va ai bianconeri, il capitano dichiara i microfoni di Sky : “Adesso che abbiamo ottenuto il San Paolo pensiamo di metterlo a norma prima di tutto con un piano antincendi adeguato, poi passeremo ad un piano d’evacuazione, sistemeremo l’illuminutecnologia, costruiremo un pollaio per i pulcini di Del Piero, faremo il morto a galla e controlleremo che la luna è ancora giaaaalla… si!”

Sky, vedendo che la cosa si fa seria toglie l’audio a Buffon lasciandolo lì a gongolarsi perchè Cannavaro si è dimenticato dei  suoi due euro…

Andiamo in campo al Tredicesimo minuto: Angolo, Lavezzi, Zuniga, fallo su Lavezzi, Rigore,  tira Hamsik, Metti la cera, gol.

Anzi no, Tagliavento dice che deve ripetere il tiro perché alcuni anni fa vide una partita simile in cui i calciatori erano in area quando il portiere aveva ribattuto il pallone e i calciatori l’avevano buttata dentro, nell’altra area.

Hamsik fa allora presente all’arbitro che in quel caso si sarebbe trattato di “Contropiede”, ma che secondo lui era un’altra cosa.

Tagliavento gli dice: “Vedi? Lo sai pure tu e stà cosa c’ha persino un nome! E allora che parli a fare?”

Hamsik accetta la risposta ma è confuso. Continua a pensare alle parole dell’arbitro e cade nel baratro. Alto sopra la traversa.

A farlo riprendere ci pensa il San Paolo con il suo calore, così Marek ripara quasi subito. Uno a zero.

Al quarantesimo arriva un grande gol di Pandev. Due a zero.

Finisce il primo tempo sul due a zero ma per quelli di Sky: “La partita, gol a parte, era stata equa…”.

Giustamente anche a  Sky vogliono aprire  la rubrica: “L’ALTRA PARTITA” e loro si stanno provinando da soli…

Finisce la pausa e i ragazzi si accingono a risalire su: Quagliarella fa bella mostra del suo nuovo giubbino antiproiettile.

Si riparte alla grande ma non per noi.

Terzo minuto e segna Matri. Due a uno.

“Un’altra Juventus!!!” gridano Bi e Ci estasiati.

Settimo minuto punizione del Napoli per fallo su Pocho. Tira Hamsik, alto.

“Juventus… un’altra partita!”. Continuano ad agitarsi.

Si scalda Quagliarella, il Napoli inizia a tremare. Pandev allora firma la sua doppietta ed esce perché teme che Fabio possa entrare per davvero. Tre a uno.

“Un’altra Juventus mamma mia!”

La quaglia continua a fare finta di saltellare giusto per metterci paura. Alla fine però mi sa che ci riesce.

Segna Estigarribia, Tre a due: “Un’altra Juventus!!!” (giustamente Bi e Ci non sapevano manco che Estigarribia giocasse nella Juventus).

Segna Pepe, Tre a tre: “Mamma mia un’altra squadra!!!” (stavolta il tono è indeciso perché Pepe lo conoscevano già).

A tre minuti dalla fine Fabio entra per davvero e l’arbitro è costretto a chiudere la partita per fischi.

Cannavaro tutto triste guarda Buffon lasciare il campo e canticchia: “E te ne vai… Con i miei due punti tra le dita…”

Buffon ridacchia tra se e se e pensa: “Evvai! Anche stavolta si è scordato i due euro!”

 

Di Brigida Rastiello

Siamo anche su Google News: per seguire tutte le news sul Napoli Calcio clicca QUI