“Nessuno” si potrà lamentare…

26/11/2011, Bergamo

Sono le 20 e 45 quando Orsato decide di fare due minuti di raccoglimernto: il primo è per le vittime che ci sono state a  Messina; il secondo è per le vittime che ci saranno qui a Bergamo se non la piantano coi cori razzisti.

Inizia il match mentre Bi e Ci riattaccano con la tiritera su “Titolarissimi Vs  Turn over” del Napoli. Meglio questo che le loro idee dopotutto.

Mazzarri,  che NON è uno stupido, ha già capito la magagna e, prima ancora che iniziasse il match aveva fatto la sua contromossa.

Ha schierato infatti un tridente che nemmeno ai tempi di Donadoni ci eravamo mai permessi: Cavani, Nessuno, Nessuno.

In questo modo “Nessuno” si potrà lamentare, spiegherà poi  il Mister.

L’Atalanta schiera il suo nuovo grande gioiellino, un nostro ex panchinaro German Denis, talmente panchinaro che Maria De Filippi gli propose di fare il tronista direttamente dalla panchina del Napoli.

La cosa poi non si materializzò perchè Maria voleva mettere i tabelloni di Amici al San Paolo per farsi pubblicità e Aurelio le disse: “Fa chell che vvuò: Bast c pos è sord” . Ma lei non capì l’antifona.

Ora però andiamo ad Atalanta per il match: tra i ragazzi, si instaura fin da subito un bellissimo feeling tanto che Schelotto decide di diventare “Fratello di sangue” con Campagnaro. Poi all’ultimo minuto non se la sente e lascia Campagnaro lì agonizzante a sanguinare da solo.

Hugo ringrazia comunque l’avversario commentando: “No, ma quale male? Eppoi ne ho approfittato per fare un po’ il punto sull’emoglobina! È che tra allenamenti, dentista e Champions non trovo mai il tempo per fare  due analisi”.

Schelotto sorridente ribatte: “Beh se devi farne due di analisi allora te meno de nuevo, così valuti anche la ferritina!”.

Orsato, vedendo la preparazione dialettica dei calciatori si sente un po’ ignorante, così decide di fischiare tutte le palle così finalmente si capirà: “Chi comanda Cosa in questo match”.

Nel secondo tempo Denis si rende pericoloso con un bellissimo tiro che prende la traversa beffando tutti. Un brivido felino attraversa il corpo di mio fratello che commenta: “Da una parte mi dispiace perché a Denis ce l’ho nel fantacalcio”. La fidanzata provvede a menarlo proprio da quella parte cosìcchè un punto serio lo aiuti a ricordare.

Passa poco dal commento idiota di Angelo che l’ex-mai-Tronista riesce a imbucarla alle spalle di De Santis che commenta: “E’ che… Corsa tutto il giorno, a pranzo un panino e ora?  Non ci vedo più dalla fame!”.

Okkey, siamo uno a zero e il match si mette male. Mazzarri chiama allora i rinforzi: fa uscire uno dei Nessuno e mette Lavezzi. Poi esce Fernandez per Maggio. Giocare in dieci mi sembra ragionevole a questo punto del match.

Niente, la partita non si sblocca, e sta pure finendo: tre i minuti di recupero.

Denis si butta a terra sotto a Lavezzi ma non muore, gli imbecilli di Bi e Ci dicono che Lavezzi è stato ammonito, Sky manda persino la grafica del cartellino. Si è messo tutto storto, forse più per quel che significherebbe quel giallo fantasma che per tutto il resto.

Si uniscono allora le forze delle coliti spastiche della miriade di tifosi napoletani sparpagliate per il mondo a guardare questa partita. Succede che Cavani segna proprio in quei dieci secondi concessi a recuperare il recupero del  recupero dai bergamaschi sperperato a perder tempo…

Finisce il match talmente in silenzio che i tifosi napoletani non picchieranno nessuno.

Di Brigida Rastiello.