Il Mattino: il Napoli ha un organico che vale 190 milioni

La scalata del Napoli non conosce soste. Rapida quella nel ranking Uefa (il  Napoli è 64esimo) e nella classifica Iffhs (è al 35esimo posto), considerevole  anche l’ascesa per meriti tecnici: in pochi anni il club di De Laurentiis si è avvicinato moltissimo alle big storiche della A. Il Napoli insidia le milanesi e  la Juventus anche dal punto di vista economico: gli incassi per diritti tv sono  ancora distanti ma la forbice è sempre meno ampia. Lo stesso dicasi per  fatturato e ingaggi, divario meno evidente nel valore di mercato della rosa. A  stabilirlo è il sito tedesco, specializzato in trasferimenti,  www.transfermarkt.de, che pone il Napoli al quarto posto, grazie anche al  recente sorpasso sulla Roma. L’organico a disposizione di Mazzarri vale oltre  190 milioni (circa 7 in media per ognuno dei 27 elementi in rosa), tre in più di  quello giallorosso e 67 in meno della Juventus, che è terza. Primi due posti ad  appannaggio di Inter e Milan, che distanziano il Napoli rispettivamente di 115 e  76 milioni.
I parametri del portale tedesco sono legati, oltreché al costo  iniziale del calciatore, al rendimento, all’età e alle richieste di mercato  dell’atleta. Sotto agli azzurri anche la Fiorentina (156 milioni), Lazio (104),  Genoa (99.2) e Udinese (99.1). Il Napoli è quarto in virtù soprattutto della  strategia del club, che ha spesso acquistato giovani e potenziali campioni, la  cui valutazione si è accresciuta notevolmente negli anni. Il valore di mercato  maggiore può vantarlo Cavani, con 24 milioni, 7 in più del prezzo pagato al  Palermo per acquistarlo. Oltre il 500% l’incremento dei cartellini di Hamsik e  Lavezzi (da 5.5 milioni a circa 24), quasi il 200% di surplus per Gargano (da  3.2 a 9), aumenti anche per Maggio (da 8 a 10 mln) e per De Sanctis, Santana e  Cannavaro, nonostante l’età.
In questo caso si tratta di affari di mercato,  perché il Napoli prese a parametro zero il capitano (che ora vale 9 mln) e  l’argentino (valutato 7) e per 1.7 il portiere, che adesso vale 4 milioni  nonostante i 34 anni. Ad oggi invece hanno perso un po’ del proprio valore  Britos (da 9 a 7), Dzemaili (da 8 a 7), Zuniga (da 8.5 a 4.5) e Campagnaro (da 7  a 4.5). Il giocatore di minor valore, esclusi il giovane Dezi e il terzo  portiere Colombo, è Lucarelli (600mila euro), che precede Chavez (800mila).