CdS Inler e il suo passato

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Prima di scrivere il libro di una partita che per lui non potrà mai essere una qualsiasi, è importante focalizzare l’attenzione sul capitolo centrale: il rispetto. Sì, perché tutta la danza del triangolo Napoli-Inler-Udinese è imperniata sul rispetto. Uomo, prima che calciatore. Cuore, prima che cervello.

IL DIRIGENTE
– E allora, storia infinita. Storia bella, bellissima, romantica per certi versi considerando il personaggio d’altri tempi: perché Gokhan detto Gogi, oggi, è napoletano dentro, ma il rispetto e l’affetto che nutre nei confronti del mondo friulano è intatto. Immacolato. Onore a lui: perché a Udine è sbocciato, ha vissuto 4 anni indimenticabili, ha degli amici veri e un vero amico è considerato. Pozzo padre, che quando a luglio l’ha salutato con le lacrime agli occhi gli ha detto, “Magari un giorno tornerai, da dirigente»”, ha annunciato al mondo che Inler “Manca tanto a tutti, come calciatore e come persona»”. E Paolo Miano, talento di un tempo e attuale collaboratore tecnico di Guidolin, non fa altro che veicolare i suoi saluti allo svizzero gentile attraverso gli amici: “Perché un ragazzo come lui è difficile da incontrare”. 

L’AMICO
– Udine è l’esordio in A e il primo gol al Torino, con il manager Dino Lamberti in tribuna commosso e felice; è la semifinale di Coppa Uefa (2008-2009), e la scalata alla Nazionale svizzera fino alla fascia di capitano. E’ la bellezza di un laboratorio di campioni a chilometri zero, che fanno tremare i ricchi. E’ la casetta con giardino di quasi un lustro, dal 2007, e gli amici del cuore Coda, Handanovic, Badu, Isla, Benatia. E il corso accelerato di lingua napoletana con Di Natale e Floro Flores, manco fosse un segno del destino. E’ la prima ribalta: a Martignacco, settemila anime di genuina provincia, c’è anche il club “Gokhan Inler”, che ogni tanto organizzava cene cui il Guerriero partecipava con gioia. Guerriero, sì: è il modo in cui lo chiamavano a Udine. Poi, stop. Si volta pagina.

 NAPOLETANO DENTRO – Inler non dimentica, è ovvio, ma il fatto bello è che oggi lui si sente napoletano dentro: fagocita (e ripete) frasi in dialetto stretto inculcate dal mitico magazziniere, Tommaso Starace; gira per la città con gli occhi pieni di incanto; guarda il mare, guarda il San Paolo e sogna di vincere tutto. Perché il popolo azzurro gli è entrato nelle vene. Chiaro? E ora che Gargano è fuori causa, le chiavi del centrocampo sono soltanto nelle sue mani.

I GOL – Guidolin lo adora, e l’affetto è ricambiato, ma questa volta Inler spera in una sfida diversa. In un esito diverso: il 17 aprile fece un gol pazzesco, da udinese, e non esultò. Ma strappò l’applauso del San Paolo. E oggi? Chissà cosa accadrà. Chissà cosa gli verrebbe dal cuore, questa volta, se dovesse replicare con la maglia azzurra sulla pelle. Ad averceli certi problemi. Beh, si vedrà. La vigilia è lunga. E il tempo non passa mai. 

Fonte: Corriere dello Sport

Siamo anche su Google News: per seguire tutte le news sul Napoli Calcio clicca QUI