shinystat spazio napoli calcio news CdS Maggio, la freccia azzurra

CdS Maggio, la freccia azzurra

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

C’è un motivo per cui anche il ct Prandelli s’è invaghito di Christian Maggio, la ” freccia azzurra” del Napoli sulla corsia di destra: la sua estrema edu­cazione nei comportamenti dentro e fuori del campo nonchè la disponibilità nel met­tersi al servizio degli allenatori e dei com­pagni di squadra. Maggio sembra un pic­colo lord: composto e misurato in ogni suo atteggiamento. Se a questo si aggiungono le capacità di corsa e l’abilità nell’inter­pretare le due fasi di gioco, allora s’intui­sce perchè tutti gli allenatori stravedono per lui. Stravide anche De Laurentiis quando lo vide in azione in un Sampdoria-Napoli, e suggerì a Marino di prenderlo a tutti i costi. Oggi Maggio è uno degli esterni destri più completi nel panorama calcistico eu­ropeo, ha sbalordito i tifosi del Manche­ster City con quella sua sgroppata di tren­ta metri che poi ha propiziato il gol di Ca­vani; ha lasciato sul posto Nagatomo del­l’Inter e soffiato il tempo a Julio Cesar nel raddoppio di sabato sera.

LUI NON SI STUPISCE – Eppure il vicentino sapeva che questa sarebbe stata la stagio­ne della consacrazione. Durante il ritiro estivo in Trentino affermò senza mezzi termini: « Non vedo l’ora che inizi la Champions. Sarà una avventura affasci­nante per tutti noi e non è detto che fare­mo da cenerentola in quel girone. L’espe­rienza in Europa League ci è stata utile. E con gli arrivi di Inler e Dzemaili, due na­zionali svizzeri, di Fernandez che ha par­tecipato alla Libertadores, ci siamo ulte­riormente rafforzati in ambito internazio­nale ».

Maggio già immaginava cosa sarebbe successo in Champions League, una com­petizione del tutto nuova per lui. Protago­nista a Manchester, ma in tribuna con il Villarreal a causa di un affaticamento muscolare accusato con il Chievo Verona. Ma in estate il tornante tanto caro a Mazzarri pensava anche al campionato: «Lo scudetto? E’ giusto che i tifosi sogni­no, ci sono altre formazioni meglio attrez­zate di noi ma una cosa è sicura: ci batte­remo fino all’ultimo e proveremo a dare filo da torcere a chiunque. Lo scorso cam­pionato non siamo arrivati secondi per ca­so. E aver confermato l’ossatura della squadra, specie quei tre davanti, è stato un grande colpo. Ci faremo valere, vedre­te ».

DETTO E FATTO –E così sta accadendo. Lui è sicuramente tra i più in forma dei suoi. Servito in profondità, va a nozze. Lancia­to in verticale, riesce a scattare a velocità supersonica. E questo, grazie alla sua grande professionalità.« Durante le va­canze ho fatto tanto sport per tenermi in attività: tennis, nuoto, calcetto.Volevo pre­sentarmi in ritiro già a posto», rivelò. Do­menica era felice per il gol ma se n’è guar­dato bene dal chiamare i fratelli ( Paolo, Maurizio e Denis). In casa, infatti, sono tutti di fede interista. E lo era anche lui da ragazzo. Ma quando Mascara l’ha lancia­to a rete, ha pensato che quello era il mo­mento di mettere il sigillo a una vittoria storica beffando la sua Inter.

ESEMPIO DI TENACIA– Maggio rappresenta per molti suoi colleghi, ma anche per tan­ti giovani che si avvicinano al calcio, un esempio di tenacia e abnegazione. Nel mo­mento migliore della carriera, per una pu­balgia mal curata finì per due settimane su una sedia a rotelle tanto che avrebbe voluto persino smettere. Poi si riprese ma Firenze subì la rottura di un primo meni­sco. Dopo la riabilitazione venne dirotta­to in prestito al Treviso, quindi alla Samp prima in comproprietà, poi definitivo. Al­tro infortunio, questa volta a Napoli, rottu­ra del menisco al ginocchio destro. Opera­to nell’aprile del 2010, Maggio ha sbalor­dito tutti con una guarigione lampo ed un rendimento straordinario.«Perché con la volontà e l’umiltà si ottiene tutto e si arri­va ovunque», ripete spesso l’esterno che tutti invidiano al Napoli.

Fonte: Corriere dello Sport

Preferenze privacy