shinystat spazio napoli calcio news CdS Cavani non si arrende, domani vuole giocare

CdS Cavani non si arrende, domani vuole giocare

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Miracolo a Milano, come il film di De Sica, è pro­babilmente il titolo più adatto a questa storia: Edinson Cava­ni non vuole saltare la partita con l’Inter e sta facendo di tut­to, ma proprio tutto, per recu­perare. E ieri sera, dopo l’alle­namento e una serie infinita di terapie, le possibilità di ve­derlo in campo sono schizzate al 50 percento. Un gioco di stati­stiche, certo. Ma tant’è. E se una notte con le fasce zincate, una me­ga- sessione di massaggi e poi il lavoro sul campo hanno incremen­tato le speranze di vederlo al­l’opera in appena 24 ore, allo­ra vuol dire che Edy è tornato in lizza. Il miracolo è possibi­le. Ma sbilanciarsi non ha sen­so: c’è una notte di mezzo.

IL TEST -E allora, il viaggio del Matador. Un viaggio attraver­so il dolore e i sacrifici. Ac­compagnato per mano dallostaff medico azzurro che, tra l’altro, non è nuovo a certe im­prese: chiedere a Lavezzi, in campo con il Milan – e mai più uscito fuori – appena quattro giorni dopo l’infortunio rime­diato a Manchester con il Ci­ty. Il nodo- Cavani, però, è un tantino più intricato: lui ha ri­mediato una brutta distorsio­ne alla caviglia destra con il Villarreal, e mercoledì matti­na riusciva a stento a cammi­nare. Zoppicava proprio: un po’ per non caricare, un po’ perché faceva male. Poi, ieri, è sceso in campo e ha comin­ciato a fare esercizi mirati. A corricchiare dimostrando progressi eccezionali. In sin­tesi? Oggi sarà, quanto mai decisivo, l’ultimo test: biso­gnerà innanzitutto vedere la reazione della caviglia dopo una notte e poi valutare quali e quanti ulteriori progressi sono stati compiuti. La sua vo­lontà è unica: giocare. Punto e basta. Ma spetta a Mazzarri e al dottor De Nicola: il tecni­co e il medico dovranno ve­derloall’opera.

LE FASCE -Edinson non ci sta, a far cantare gli altri due te­nori alla Scala del calcio sen­za lui. Non vuole proprio perdersela, questa sfida da scudetto. E, a dirla tutta, non ha alcuna intenzione di di­sertare anche i due impegni con la Nazionale: Uruguay-Bolivia (7 ottobre a Montevi­deo) e Paraguay- Uruguay (11 ottobre a Asuncion), par­tite valide per le qualifica­zioni al Mondiale 2014. Di volontà, come detto, ne ha a bizzeffe. E anche l’impegno dello staff medico è totale. Sono questi i segreti per cen­trare l’impresa. E poi, le fa­sce zincate: fasce forate che rilasciano ossido di zinco da tenere sulla caviglia anche durante la notte. Non resta che attendere. Se non ce la farà, dentro uno tra Pandev e Mascara.

Fonte: Corriere dello Sport

Preferenze privacy