shinystat spazio napoli calcio news Lippi: credo nel Napoli per lo scudetto

Lippi: credo nel Napoli per lo scudetto

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Marcello Lippi, in un’intervista al Corriere dello Sport, a poche ore dall’inizio del campionato esprime un pronostico sulla vincitrice finale. Ecco quanto evidenziato da Spazionapoli.it.

 «Il Napoli? Sì, ha il dovere di provare a vincere lo scudetto. Ho sempre detto che a mio parere Milan e Napoli hanno qualcosa in più rispetto alle altre squadre che lotteranno per il tricolore». Questa l’opinione di Marcello Lippi, intervenuto ai microfoni di ‘Radio Kiss Kiss’. «Hanno il vantaggio di avere la stessa guida tecnica della scorsa stagione -spiega l’ex Ct della Nazionale-. In particolare, poi, Mazzarri siede da tre anni sulla panchina azzurra e ha già impostato l’organizzazione di gioco, la programmazione, la squadra conosce psicologicamente il proprio allenatore ed il mister conosce i propri calciatori. Stesso discorso per il Milan di Allegri. Le altre formazioni, a mio parere, sono sì forti ma partono con un piccolo handicap in più: l’allenatore nuovo. Il Napoli per la Champions League ha ampliato la rosa con giocatori di assoluta qualità e di discreta esperienza internazionale. Ci sarà da fare turnover, ma la rosa è competitiva: Mazzarri potrà cambiare i calciatori mantenendo lo stesso modulo e gli stessi valori tecnici».
 
MENTALITA’ – «Io toscano come Allegri e Mazzarri? -prosegue- Il calcio è una questione di cicli, lo stesso valer per gli allenatori. Hanno vinto i tecnici campani, lombardi, toscani ecc. L’importante è creare le squadre attraverso la programmazione ed il Napoli lo ha fatto perfettamente. Bisogna acquisire mentalità vincente, autostima, consapevolezza della propria forza. La piazza partenopea è di assoluta importanza e pian piano si sta assestando nei valori del calcio nazionale, per poi proiettarsi nella dimensione internazionale. L’importante è far parte sempre nel gruppo delle squadre di vertice, di testa».

Preferenze privacy