shinystat spazio napoli calcio news Il Ranking Facebook, male le italiane

Il Ranking Facebook, male le italiane

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Dopo il ranking della Uefa, le statistiche della IFFHS, oggi Facebook con i suoi oltre 600 milioni di utenti in tutto il mondo rappresenta uno dei migliori indicatori per valutare la reputazione e la visibilità della diffusione del marchio di un club professionistico di calcio.  Dietro ogni click c’è sempre lo sguardo di chi adora il mondo del pallone. Grazie ad un particolare studio d’osservazione, si è potuta stilare una classifica delle pagine ufficiali dei club favoriti dagli appassionati di calcio iscritti al noto social network. I dati rilevati fanno riferimento al 30 aprile scorso, naturalmente non si tengono conto delle diverse pagine “non ufficiali” o gruppi indicizzati ai club.

Ai vertici di questa classifica troviamo le due finaliste della Champions: al primo posto, manco a farlo apposta, c’è il Barcellona con i suoi 14 milioni di “mi piaci”, subito dopo a seguire troviamo gli inglesi del Manchester United con quasi 13 milioni, staccati di quasi dieci migliaia di preferenze in meno i blancos del Real Madrid. Dopo le tre grandi c’è un vuoto di oltre 6 milioni di click, perché al quarto posto troviamo i londinesi dell’Arsenal e subito dopo i never walk alone del Liverpool. I dati sorprentendi provengono dalla Turchia: il Galatasaray, sesto in graduatoria, con oltre 5 milioni di affezionatissimi ed il Fenerbache, ottavo, con quasi 4 milioni di supporters virtuali.

Le italiane? I facebookiani adorano gli attuali campioni d’Italia: i rossoneri si trovano al nono posto in graduatoria con 3.674.000 utenti iscritti. Oltre al Milan tra i primi 50 club, del mondo, le altre squadre del nostro campionato ad essere quotate dai cybernauti di Facebook sono: il Napoli (ventunesimo con 437.000), l’Inter (26a con 331.000), la Juventus (42a con 150.000) e la Roma (44a con 149.000). E’ proprio vero che il nostro calcio non ha più lo stesso appeal di un tempo, lo conferma anche Facebook!

Alessandro D’Auria

Preferenze privacy