shinystat spazio napoli calcio news Diritti Tv, le cifre della guerra tra grandi e piccoli club

Diritti Tv, le cifre della guerra tra grandi e piccoli club

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Non c’è pace per il calcio italiano, neanche in un momento in cui tutte le forze coinvolte dovrebbero collaborare a un progetto di rilancio che parta dai club e arrivi fino alle nazionali, tuttavia i Presidenti di Serie A non trovano di meglio da fare che litigare per soldi.

Come tutti sanno da quest’anno in corso, i diritti tv del campionato di Serie A sono venduti collettivamente, questo ha portato le grandi a rinunciare a qualcosa, le piccole e le medio-grandi a incrementare i ricavi all’insegna di una maggior competitività complessiva. Tuttavia la legge Melandri era congegnata per garantire comunque alle grandi squadre e grandi piazze un margine di ricavi superiore in almeno uno degli ambiti di ripartizione, ovvero quello dei bacini d’utenza. E qui casca l’asino.

Anche uno a digiuno di cose calcistiche potrebbe senza esitazione affermare che Juve, Milan, Inter, Napoli e Roma hanno più tifosi degli altri, non è neanche un gran segreto perchè basta guardare il numero di persone che seguono queste squadre in casa e in trasferta e la quantità di soldi che muovono in biglietti, abbonamenti, tv e merchandising. Tuttavia 15, non una o due ma quindici, squadre hanno ritenuto che anche la fetta di introiti relativa ai bacini d’utenza andasse spremuta a dovere, e così con il presidente della Lazio a capo di questa fazione hanno provato un colpo di mano interpretando a loro vantaggio il concetto di “sostenitore” su cui ruota la ripartizione e tentando di far passare in Assemblea di Lega A la loro linea. Da qui la frattura.

Riportiamo accanto due simulazioni (fonte Gazzetta dello Sport) sul numero di sostenitori nell’ipotesi A (come la intendono i 5 grandi club) e relativi ricavi e nell’ipotesi B (con l’idea di sostenitore allargata) con relativi ricavi, si nota come le grandi con il nuovo sistema perdano da 2 a 10 milioni, mentre le piccole e le medie vedano incrementati di molto i propri incassi.

Nel frattempo riposano in Parlamento le due proposte di Legge sugli Stadi e Legge contro la Pirateria, dispositivi legislativi che permetterebbero ai club di incrementare i fatturati riducendo il gap con gli altri campionati europei, eppure i nostri beneamati presidenti preferiscono star lì a Milano a litigarsi il pezzo di formaggio anzichè provare a far ripartire il sistema. Quando capiranno?

 

Andrea Iovene

Preferenze privacy