shinystat spazio napoli calcio news Don't Panic!

Don’t Panic!

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Niente panico!
E’ una sorpresa che il Napoli perda due partite di fila? Si, certo
Vuol dire che il Napoli sta crollando/è crollato? No, assolutamente

Il Napoli perde la seconda gara di fila, come non era mai accaduto in stagione, su un campo che ormai è stregato da quarant’anni, contro un Palermo voglioso ma poco lucido, che capitalizza al massimo il caos in campo nel finale di primo tempo. Non è riduttivo dire che la gara è tutta lì, in quei dieci minuti finali della prima frazione, perchè gli azzurri incassati i due colpi si disuniscono e privi di due riferimenti fondamentali (soprattutto sul piano carismatico) come Lavezzi e Cannavaro non rialzano la testa nel secondo tempo.

Si possono perdere due gare in questo folle campionato e rimanere con le distanze invariate su quarto e quinto posto, e due sconfitte pur lasciando l’amaro in bocca non possono cambiare il giudizio su una stagione strepitosa a prescindere, ma la sorpresa c’è fino a un certo punto considerato che la manovra offensiva del Napoli dipende moltissimo dal Pocho, e se contro l’Udinese effettivamente la sconfitta era apparsa per taluni versi casuale, quella di oggi è stata più netta sul piano della convinzione prima ancora che del gioco. Ovviamente Mazzarri qualche riflessione dovrà farla, soprattutto sul rendimento di due suoi uomini cardine come Campagnaro e Maggio, sembrati spaesati a più riprese e giù di tono in condizione.

Nonostante la necessità di essere critici (ma sempre con i piedi per terra) si deve guardare alle prossime gare (Genoa e Lecce) con fiducia e ottimismo, rasserenati dal fatto che, indipendentemente da qualche scivolone che in una stagione lunghissima può capitare, il Napoli ha un’identità di squadra e di gioco e onorerà questo campionato fino in fondo, e ci auguriamo centrerà l’obiettivo europeo che ha meritato in questi otto mesi di partite.

Come sempre accade in queste circostanze, spunteranno fuori da ogni dove Cassandre e anche qualche Rosario Chiarchiaro (con patente di iettatore) a disegnare nubi, tempeste e sciagure sul futuro della squadra azzurra, ma davanti a costoro citando il sommo Dante, si può solo dire “non ti curar di loro, ma guarda e passa”. Prossima fermata Europa.

Andrea Iovene

Preferenze privacy