shinystat spazio napoli calcio news Quando il gioco si fa duro...riecco il Matador

Quando il gioco si fa duro…riecco il Matador

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Il campionato di serie A è giunto nel suo momento più importante. Salvo clamorose sorprese assisteremo ad un finale al fotofinish che coinvolgerà quasi tutti. Niente è già deciso: lo scudetto se lo contenderanno almeno tre squadre, la zona champions vedrà le romane credere al quarto posto fino alla fine, l’Europa League è uno stimolante traguardo a cui vorrà giungere (oltre alla Juve e al Palermo) anche una rigenerata Fiorentina, la lotta per la salvezza -infine- sarà al cardiopalma fino all’ultima giornata.

In un frangente del genere sono i calciatori più rappresentativi, i capitani coraggiosi, quelli che buttano il cuore oltre l’ostacolo e che portano alla vittoria la propria squadra.

Senza  un lampo di Del Piero, ad esempio, la Juve non sarebbe riuscita a vincere contro il Brescia. Se Montella non avesse mandato in campo Totti, la Roma non avrebbe racimolato al Franchi neanche quel punticino che tiene viva la speranza champions.

Per quanto riguarda il Napoli, l’uomo della provvidenza è uruguaiano, veste la maglia numero sette, ha dieci anni in meno di Totti e Del Piero, possiede una velocità e una resistenza fuori dal comune e nell’arco di tutti i novanta minuti riesce anche a ricoprire il ruolo di difensore aggiunto quando gli avversari attaccano.

Walter Mazzarri, intervistato da Sky Sport dopo la vittoria sul Cagliari, sa bene che avere Edinson Cavani in squadra è una benedizione: “ Edi ha una resistenza incredibile. Io ho solo il merito di averlo fatto giocare da subito al centro dell’attacco, tutto il resto è farina del suo sacco”.

Anche il presidente De Laurentiis ha parlato del match contro gli isolani e della doppietta che ha consentito a Cavani di pareggiare il lontanissimo record di Antonio Vojak, ventidue reti con la casacca azzurra: C’è uno spirito di gruppo straordinario. I ragazzi volevano vincere a tutti i costi anche per il loro allenatore che era stato male in settimana. Ora dobbiamo solo giocare al massimo, consapevoli di essere una realtà che continua a costruire qualcosa di importante anno dopo anno. Sono contento per Cavani. Al di là del rigore ha fatto un grandissimo gol, sbloccandosi dopo un periodo un pò così ed eguagliando il record di 22 reti di Vojak”.

A questo ragazzo di Salto, Uruguay, basta solo un goal negli ultimi otto incontri della stagione per diventare il miglior realizzatore di sempre del Napoli.

Chi, alla fine dello scorso agosto, avrebbe mai osato sognare una favola così bella?

Marco Soffitto

CALCIOMERCATO NAPOLI

CONOSCI SPAZIONAPOLI?

SpazioNapoli è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioInter.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network, il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

NAPOLI CALCIO - ULTIMISSIME

Seguici su Facebook

Preferenze privacy