shinystat spazio napoli calcio news Parma-Napoli 1-3, è bastato quel "Pocho" per vincere!

Parma-Napoli 1-3, è bastato quel “Pocho” per vincere!


Sulla tratta Brescia-Bari, il Napoli si presenta al Tardini. Gli emiliani ospitano tra le mure amiche un Napoli demoralizzato nelle ultime tre partite, invece il Parma è inghiottito nel tunnel della retrocessione, non vince da ben sette gare. Le motivazioni della squadra di Marino sembrano lievitare già dal primo minuto di gara, quando da un rilancio dalla difesa Palladino approfitta di uno svarione di Santacroce, gara piuttosto opaca del italo-brasialiano, si presenta al limite dell’aria, fa partire un preciso diagonale che esce di poco alla sinistra di De Sanctis.  La partita si sblocca al 28’, quando  da calcio d’angolo, grazie ad un tiro a volo di destro dell’ottimo Palladino, abile a sfrutta re una palla vagante da un colpo di testa di Cavani in ripiegamento difensivo, porta in vantaggio il Parma. La difesa del Napoli è disattenta nell’occasione, Santacroce prima e di Pazienza poi lasciano calciare indisturbato il numero 84 parmigiano . Il primo tempo scivola via senza incisi per il Napoli, Hamsik e Lavezzi sembrano prendere le misure, il Parma controlla la partita ma con difficoltà.

Nel secondo tempo gli azzurri scendono in campo con un altro appiglio, determinati e vogliosi di fare risultato, di non lasciarsi alle spalle altri punti preziosi.  A fare la differenza è il Pocho, dal rientro dalla squalifica, capace di cambiare  l’equilibrio dei valori in campo in collaborazione con Hamsik , che è tornato a fare l’Hamsik che consciamo dopo un primo tempo in colore. Infatti al 51’ da un accelerazione di Lavezzi,  lascia sul posto Galloppa  e trovando impreparati i difensori del Parma, entra in area,  serve dolcemente lo slovacco pronto a ribadire in rete con un bel tocco.  Per onestà intellettuale, non dobbiamo nascondere le evidenziare, il gol di Marekiaro è macchiato da posizione irregolare: era oltre la linea! Gli episodi ancora una volta condiscono la gara degli azzurri, nella buona o nella cattiva sorte.

La partita cambia completamente volto, perché il Napoli torna ad  essere quello capace di dominare il gioco, il gol ha cambiato l’umore degli azzurri. Dopo soli 5 minuti Hamsik restituisce il favore a Lavezzi. Proprio da un triangolo impostato da Lavezzi lungo l’out destro, lo slovacco pesca con preciso passaggio di ritorno il Pocho nell’unico corridoio disponibile. Lavezzi è solo davanti a Mirante in uscita, anche se  la palla resta sotto a corpo sbilanciato, mentre sta per cadere trova un preciso colpo sotto a scavalcare il portiere parmigiano. Tre minuti dopo il raddoppio la partita svolta a favore nuovamente del Napoli, perchè  Galloppa entrando a gamba alta colpisce al petto Hamsik, il rosso è inevitabile. Da questo momento in poi la partita non sarà più la stessa, il Napoli è padrone del campo con un uomo ed un gol in più. Il Parma nonostante rimasto in dieci, ci mette l’orgoglio è cerca di ripristinare un partita cominciata positivamente, sfruttando qualche azione da palla inattiva. Ma è il Napoli con serenità sfrutta a pieno  gli spazi concessi dalla squadra di casa. Al 70’ Zuniga  servito da Hamsik sulla destra, con un tiro calciato con il sinistro (non il suo piede) in area, trova pronta la risposta di Mirante, che chiude lo specchio ad un Lavezzi scatenato e pronto a bissare. Ancora una volta il colombiano protagonista in un capovolgimento di fronte, due contro uno, serve male Cavani che rimane a secco da ben 500 minuti. La parole fine viene scritta da Maggio,  anche lui autore di una grande prestazione questa sera, è uno dei pochi a crederci fino dal primo tempo. Il signore della fascia destra,  inseguito ad un maldestro rinvio della difesa parmense, sfrutta  un rimpallo favorevole e con passo da attaccante puro si trova da solo davanti a Mirante e non sbaglia la più facile delle occasioni da rete. Il Tardini diventa la piccola succursale del San Paolo, si sentono cantare le melodiose note del “Surdat Nnammurato”.

Buona la prima di Victor Ruiz, impeccabile nel chiusure proveniente dalla sua corsia di competenza, smorzando senza difficoltà i tentativi Candreva e Valiani, mentre dall’altra parte Santacroce non esce vittorioso dal confronto con Palladino, che in undici contro undici era stato schierato come esterno sinistro. L’eroe della giornata, il man of the match è Lavezzi, che con una prestazione maiuscola, rientra nel rango di fuoriclasse indiscusso e mette a tacere ogni critica sulla sua “non essenzialità”. Assist e gol, entra in partita nel momento più difficile, ma cosa dobbiamo chiedergli più? La partita si conclude con la comprensibile girandole di polemica, c’è da capire e rispettare la posizione del Parma di Ghilardi, danneggiato dall’errata valutazione nel pareggio partenopeo. Ma noi adesso interessa il calcio giocato, dopo aver mangiato troppe “chiacchiere” nel periodo di carnevale,  gli sportivi napoletani  possono risintonizzarsi sulle frequenze radio dell’affascinante colonna sonora della Champions. Lo scudetto? Questa settimana il meteo dice che a Napoli fa meno freddo rispetto a Milano, gli azzurri sono lì a mettere pressione e giocarsi le altre nove finali di campionato.

Alessandro D’Auria

ULTIME NOTIZIE

CHI SIAMO

Spazio Napoli è un giornale online in cui troverai: news Napoli, calciomercato Napoli, biglietti Napoli, foto Napoli, video Napoli, Primavera Napoli.

NUOVEVOCI

Appendice sportiva della testata giornalistica “Nuovevoci” – Aut. Tribunale di Torre Annunziata n. 3 del 10/02/2011

Direttore editoriale “SpazioNapoli.it”: Antonio Manzo

Direttore responsabile: Pasquale Giacometti

Iscrizione al Registro degli Operatori per la Comunicazione n. 22640, autorizzazione della Lega Serie A all’esercizio della cronaca audio/video.

Testata non ufficiale e non autorizzata da SSC Napoli Calcio

Contatti: ufficiostampa@nuovevoci.it

Copyright © 2015 Cierre Media Srl