Home » News Calcio Napoli » Koulibaly ricorda Napoli: parole al miele del difensore senegalese

Koulibaly ricorda Napoli: parole al miele del difensore senegalese

Il Napoli sta viaggiando spedito in questo inizio stagione: otto vittorie e due pareggi in dieci partite tra campionato e Champions League che gli valgono il primo posto sia in Serie A sia nel proprio girone di Champions. Un avvio sorprendente considerando anche le tante critiche estive della tifoseria nei confronti della società, a causa di un calciomercato non ritenuto adeguato.

Motivo principale delle contestazioni è stato sicuramente quello riguardo le cessioni di diversi uomini chiave della squadra come Kalidou Koulibaly, David Ospina, Fabian Ruiz, capitan Lorenzo Insigne e Dries Mertens. I nuovi arrivati, però, si stanno dimostrando delle validissime alternative in grado di non far rimpiangere i vecchi gocatori.

Napoli Koulibaly
Kalidou Koulibaly (FOTO – Getty Images)

L’addio del Comandante Kalidou Koulibaly è stato accolto con molto dispiacere e rammarico da parte del tifo azzurro: il difensore senegalese, dopo otto anni all’ombra del Vesuvio, è stato ceduto al Chelsea per una cifra vicina ai 40 milioni.

LEGGI ANCHE:   Il Napoli vuole blindare Osimhen: un aiuto potrebbe arrivare dal Decreto Crescita

Il bellissimo rapporto tra Napoli e Koulibaly, però, è rimasto invariato e lo stesso “Comandante” ha voluto ricordare i suoi anni in città in un’intervista rilasciata a “Carré”. Queste le sue parole.

“Sapevo che dopo otto anni a Napoli, il mio tempo lì era finito. Quando vedi che il Chelsea ti sta cercando, uno dei migliori club al mondo che vuole che tu faccia parte del suo progetto, non ho esitato un attimo e ho fatto di tutto per andarci. Ho comunque rispettato il Napoli perché mi ha dato davvero tanto. Il Napoli mi ha fatto crescere, i miei figli sono nati lì, quegli anni mi hanno dato la possibilità di diventare l’uomo e il calciatore che sono adesso: ringrazierò Napoli per tutta la mia vita“.

“Adesso sono al Chelsea, mi sento super bene e la mia famiglia si è integrata. Penso di esser arrivato nel posto giusto al momento giusto: a 31 anni, con giocatori di esperienza che hanno vinto diversi trofei, devo dimostrare sul campo che loro possono contare su di me. Per il momento, sono molto felice e spero di continuare così”.