shinystat spazio napoli calcio news Allenamenti Napoli Castel Volturno, il Napoli studia la ripresa

CDM – Allenamenti Napoli Castel Volturno: il club studia l’eventuale ripresa anti virus

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter
ALLENAMENTI NAPOLI CASTEL VOLTURNO

ALLENAMENTI NAPOLI CASTEL VOLTURNO- Il Napoli sta studiando l’eventuale ripresa degli allenamenti, in attesa che si prenda una decisione anche per il campionato. Nelle prossime settimane anche il calcio rientrerà nel percorso post lockdown. L’edizione odierna de Il Corriere del Mezzogiorno scrive: “La ripresa dovrebbe prevedere due momenti separati: prima visite mediche, test fisici e allenamenti individuali, poi quelli collettivi come prevedeva anche il protocollo d’ intesa sottoscritto dai medici sportivi italiani in cui si suggeriva il primo stop agli allenamenti fino al 3 aprile“.

Coronavirus, la FIGC proroga la sospensione di tutte le competizioni

ALLENAMENTI NAPOLI CASTEL VOLTURNO

L’edizione odierna de Il Corriere del Mezzogiorno parla dell’ipotetica ripresa allenamenti in casa azzurra: il club avrebbe curato ogni minimo dettaglio per prevenire ogni contagio. Il quotidiano fa sapere: “Il centro sportivo di Castel Volturno è vuoto da 40 giorni circa, l’ ultimo allenamento risale al 12 marzo. Gli azzurri hanno lavorato solo da casa con il supporto via Skype di Gattuso, del suo staff e dei medici del club. Alcune indicazioni del protocollo spagnolo appartengono alle buone pratiche che il Napoli aveva già adottato nella prima metà di marzo. I medici azzurri si erano già mossi su tanti aspetti per tutelare tutti al centro sportivo di Castel Volturno: mascherine, la nuova abitudine di tenere quanto più possibili le porte aperte sia per evitare il possibile contagio con le maniglie che per favorire il circolo dell’ aria. Poi la predisposizione ad evitare gli assembramenti in sala video, negli spogliatoi e in palestra”.

ALLENAMENTI NAPOLI CASTEL VOLTURNO

Il protocollo spagnolo prevede delle indicazioni anche per i trasporti. Suggerisce infatti il bus in caso di ritiri per rispettare la norma di occupare un posto ogni cinque file mentre in casa Napoli si pensava a taxi personali. Dopo l’emergenza, i club, prima di far ripartire tutto, dovrebbero predisporre tamponi per tutti i tesserati, scrive il quotidiano.

 Segui le ultime anche sul nostro canale Instagram

Siamo anche su Google News: per seguire tutte le news sul Napoli Calcio clicca QUI

Preferenze privacy