shinystat spazio napoli calcio news Gaetano spiega: "Ancelotti il meglio per un giovane! Momento così sotto porta, ma siamo pronti per il Torino. E su Insigne..."

Gaetano spiega: “Ancelotti il meglio per un giovane! Momento così sotto porta, ma siamo pronti per il Torino. E su Insigne…”


L’intervista a Gianluca Gaetano dopo Genk-Napoli e in vista della gara con il Torino

Il giovane calciatore del Napoli, Gianluca Gaetano, ha rilasciato un’intervista ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli, parlando della sua crescita e del momento della squadra. Ecco quanto evidenziato:

L’unico a segnare a Genk tra Primavera e grande squadra? Sì, ho segnato ma potevamo farne altri, anche con i grandi. Siamo stati un po’ sfortunati con le traverse e l’occasione di Callejon davanti al portiere. Facciamo meno gol? Forse non c’è una spiegazione, ci sono momenti belli ed altri meno belli in cui hai un po’ di sfortuna.

Ci stiamo allenando bene per la gara contro il Torino. Loro vengono da una sconfitta e davanti ai loro tifosi non vorranno fare brutte figure. Siamo solo all’inizio. Inter-Juve sarà una bella partita, ma noi dovremo faticare nella nostra.

Meglio andare a giocare o restare con i campioni? Mister Ancelotti è il meglio per i giovani. Ti fa star bene, ti fa crescere, sa quando metterti in campo e ti fa crescere sia mentalmente che tecnicamente. Con lui il rapporto è ottimo. Ringrazio mister Baronio: prima lavoravo quasi soltanto in attacco, è stato lui ad insegnarmi la fase difensiva. Sono stati importanti anche mister Carnevale e mister Beoni, loro però dicevano ai compagni ‘date palla a Gaetano e attacchiamo’“.

Incursione di Insigne che prende in giro Gaetano e Diego De Luca, che sta intervistando il giovane classe ‘2000 del Napoli. “Jamme bell’ che si è schiattato ‘o pallone!“, queste le parole di Lorenzo Insigne che hanno strappato sorrisi ai due.

Continua Gaetano: “Il rapporto con Insigne? Veramente bellissimo, è un punto di riferimento da seguire. Negli spogliatoi fa tanti scherzi anche con Tommy (Starace, ndr)”.

Dai grandi rubo il professionismo che loro hanno. Dal modo di mangiare ad arrivare un’ora e mezza prima al campo. Tutto. Ho legato molto con Callejon. Ruolo? Mi piace giocare a centrocampo, si tocca di più il pallone. Mi sento un centrocampista offensivo. Il mio idolo? Da ragazzino guardavo Pogba, speriamo di giocarci contro un giorno”.

Per seguire tutte le news sul mondo Napoli CLICCA QUI