shinystat spazio napoli calcio news Giaccherini: "Napoli bellissima, ma Sarri non cambiava mai! Forse non gli andavo a genio, ho chiesto la cessione dopo 4 mesi"

Giaccherini: “Napoli bellissima, ma Sarri non cambiava mai! Forse non gli andavo a genio, ho chiesto la cessione dopo 4 mesi”


Giaccherini si toglie i sassolini dalla scarpa e attacca Sarri

Il nuovo numero della nota rivista Calcio 2000 sarà in edicola il 10 marzo. Nel numero è presente una lunga intervista a Emanuele Giaccherini, ex azzurro, attualmente in forza al Chievo.

Il centrocampista è tornato anche sulla sua avventura in azzurro, dichiarando:

Perché non è scattata la scintilla con Sarri? 
Non te lo so dire, forse non gli andavo a genio come giocatore, però allora non capisco perché mi abbiano preso. Forse ero un acquisto del presidente? Non so, davvero, ancora oggi mi capita di chiedermelo ma non ho trovato una risposta. Forse la sua concezione di avere una rosa ristretta e fidarsi solo dei “titolari”, ma nell’arco di una stagione non puoi tenere la stessa condizione per undici mesi. Invece lui non cambiava proprio mai. E questo secondo me è stato un errore, come dimostra adesso Ancelotti: anche Maksimovic, che con Sarri non giocava mai, ora invece è uno su cui Ancelotti punta tantissimo. E infatti sta facendo molto bene”.

Mai pensato: se avessi aspettato un po’ magari con Ancelotti…
“No, mai, anche perché sarebbe dovuto arrivare molto prima: io avevo già chiesto la cessione a gennaio, dopo quattro mesi che ero arrivato a Napoli. Non perché stessi male, Napoli è una città bellissima con un pubblico meraviglioso, ma avevo avuto da subito la sensazione che il mio acquisto fosse stato un “errore tecnico”. Dunque ho parlato con la società e ho chiesto di essere ceduto: a quel tempo mi volevano la Roma e la Juve, ma il club non mi ha liberato. E questa è un’altra cosa che non mi spiego: perché tenere a tutti i costi un giocatore se poi non lo fai mai giocare? Quando è arrivato Ancelotti io tecnicamente ero ancora un giocatore del Napoli, ma è vero che i presidenti de Laurentiis e Campedelli erano già d’accordo, io volevo restare al Chievo e loro non hanno fatto nulla per farmi ricredere. Si vede che doveva andare così”.