shinystat spazio napoli calcio news Vialli: "Mi cercò il Napoli di Maradona, ma rifiutai. Ero innamorato della Samp"

Vialli: “Mi cercò il Napoli di Maradona, ma rifiutai. Ero innamorato della Samp”


Gianluca Vialli, ex calciatore, ha concesso una lunga intervista al Corriere della Sera in cui racconta della sua lotta contro il cancro. Tra gli argomenti trattati anche il Napoli di Maradona:

Vinceste il primo e ultimo scudetto nella storia della Samp.
«Crescemmo passo a passo. La coppa Italia. La finale di Coppa delle Coppe, persa. La finale di Coppa delle Coppe, vinta. E poi il 1991, l’anno dell’impresa».

Oltre ad Agnelli la cercò il Milan di Berlusconi.
«E il Napoli di Maradona».

Perché rimase a Genova?
«Ogni volta Mantovani mi chiamava in ufficio, e mi spiegava la sua missione: sfidare lo status quo, ribaltare le gerarchie del calcio. Quando uscivo mi pareva di camminare sulle acque. Ero innamorato di lui, della squadra, dell’ambiente».

Chi è il più grande contro cui ha giocato?
«Il Maradona di Messico ‘86: avevo 22 anni, provavo soggezione per Bearzot e il suo carisma. C’erano Zico, Platini, Gullit, Van Basten, Matthaeus».

La novantanovesima storia è la sua. Che finora nessuno conosceva. L’esperienza della malattia. Il cancro.
«Ne avrei fatto volentieri a meno. Ma non è stato possibile. E allora l’ho considerata semplicemente una fase della mia vita che andava vissuta con coraggio e dalla quale imparare qualcosa. Sapevo che era duro e difficile doverlo dire agli altri, alla mia famiglia. Non vorresti mai far soffrire le persone che ti vogliono bene: i miei genitori, i miei fratelli e mia sorella, mia moglie Cathryn, le nostre bambine Olivia e Sofia. E ti prende come un senso di vergogna, come se quel che ti è successo fosse colpa tua. Giravo con un maglione sotto la camicia, perché gli altri non si accorgessero di nulla, per essere ancora il Vialli che conoscevano. Poi ho deciso di raccontare la mia storia e metterla nel libro»”.