shinystat spazio napoli calcio news Ilicic da brividi: "Pensavo ad Astori e avevo paura di addormentarmi. Ho temuto la mia morte"

Ilicic da brividi: “Pensavo ad Astori e avevo paura di addormentarmi. Ho temuto la mia morte”


Un inizio di stagione difficile per Josip Ilicic, rimasto ai box in seguito ad un’infezione batterica ai linfonodi del collo. Il trequartista dell’Atalanta adesso è tornato alla grande, su grandi livelli. Ma c’è stato un periodo in cui ha temuto di non poter giocare mai più a calcio.

Questo un estratto della sua intervista per il Corriere dello Sport:

«Quello che è successo a Davide mi ha fatto passare dei momenti difficili e ho sofferto per tanti giorni. È stata una tragedia terribile che non mi permetteva di dormire. E quando sono stato male io, ho avuto paura che mi potesse succedere qualcosa di simile. Pensavo: “E se domani mattina non mi sveglio? Come farò a non vedere più la mia famiglia?”. C’è stato un periodo in cui avevo paura di andare a letto e addormentarmi. Il calcio non è tutto nella vita, l’ho capito sulla mia pelle».

Adesso è una persona diversa?
«Diciamo che guardo le cose in maniera diversa, vivo ogni minuto e ogni secondo che ho a disposizione con la mia famiglia. Per me conta stare con le mie due bimbe, con mia moglie e con mia mamma perché la vita è breve e bisogna godersi le persone alle quali vuoi bene. Faccio il mio lavoro qui al campo, ma poi torno subito a casa e voglio sempre i miei cari accanto a me».

Fisicamente come sta?
«Sono molto stanco (sorride perché ha appena finito l’allenamento, ndr). Sto bene, sto bene e questa è la cosa più importante. Mi mancava star bene».

Se ora ripensa al periodo della malattia, qual è la prima cosa che le viene in mente?

«Che è stato un episodio molto grave dal quale però sono uscito vincitore. Mi ha permesso di capire che nella vita l’unica cosa che conta è star bene. Raccontare quello che è successo, e che per fortuna adesso è alle spalle, non è facile: è stato qualcosa di brutto per me e la mia famiglia».

Ha pensato anche di lasciare il calcio o ha temuto che non avrebbe più potuto giocare?

«Ci sono stati tanti momenti in cui non ce la facevo più perché la malattia non spariva mai. Più passata il tempo e più peggiorava. È stato allora che ho smesso di pensare al mio lavoro e di guardare le partite di calcio in tv. Avevo un chiodo fisso in testa: salvarmi e stare con la mia famiglia. A un certo punto mi sarebbe bastato anche solo poter tornare a camminare e a correre come una persona normale, non come un giocatore. E invece piano piano ne sono uscito del tutto».

Temeva che sarebbe potuta finire diversamente?

«Ci sono state persone che hanno avuto il mio stesso problema e sono finite in coma. A me l’infezione è rimasta circoscritta ai linfonodi del collo, mentre a loro si è diffusa in altre parti del corpo. Se penso a loro…».

Quando ha capito di essere guarito?

«Quando mi è tornata la voglia di riprendere a giocare. Mi sentivo meglio e avevo il desiderio di tornare alla normalità, a correre dietro un pallone. Per anni quella è stata la mia priorità, mentre adesso…».

Quanto giocherà ancora?

«Fino a 50 anni o comunque finché ce la farò».

Gasperini pochi giorni fa ha detto: «Ilicic è tornato più forte di prima». D’accordo?

«Sono più forte di testa e in effetti è lì dentro che è cambiato qualcosa. Quando nella vita ti accadono cose gravi, inizi a pensare in modo diverso. Prima mi arrabbiavo per stupidaggini, mentre ora ho imparato ad apprezzare le cose belle, a vivere ogni giorno come il migliore della vita».

Ha rivisto i medici dell’ospedale che l’hanno curata?

«Sì e li ho ringraziati. C’erano persone in quelle settimane che lavoravano solo per me, che ci tenevano tanto a farmi guarire. È stato bello capire che dottori e infermieri davano più di quello che potevano per risolvere i miei problemi di salute».

Quando ha ripreso ad allenarsi è stata dura?

«Molto dura perché non sono ripartito da zero, ma da sotto zero. E per arrivare a zero è stata molto lunga… Per fare certe cose dovevo sforzarmi e il mio corpo doveva riabituarsi a tutto. È stato un periodo molto lungo, nel quale mi sentivo a pezzi tutti i giorni. E spesso facevo… doppio allenamento perché quando uscivo da qui, a casa avevo due bimbe che mi aspettavano per giocare ancora. Scherzi a parte, tutto questo mi era mancato».

A che percentuale di forma è adesso?

«Quando sto bene, non dico mai che sono al massimo perché voglio andare oltre. Devo migliorare sempre».

 

ULTIME NOTIZIE

CHI SIAMO

Spazio Napoli è un giornale online in cui troverai: news Napoli, calciomercato Napoli, biglietti Napoli, foto Napoli, video Napoli, Primavera Napoli.

NUOVEVOCI

Appendice sportiva della testata giornalistica “Nuovevoci” – Aut. Tribunale di Torre Annunziata n. 3 del 10/02/2011

Direttore editoriale “SpazioNapoli.it”: Antonio Manzo

Direttore responsabile: Pasquale Giacometti

Iscrizione al Registro degli Operatori per la Comunicazione n. 22640, autorizzazione della Lega Serie A all’esercizio della cronaca audio/video.

Testata non ufficiale e non autorizzata da SSC Napoli Calcio

Contatti: ufficiostampa@nuovevoci.it

Copyright © 2015 Cierre Media Srl