Home » News Calcio Napoli » Auriemma: "Chiedo rispetto per i tifosi azzurri, perché si è spostata la partita del Napoli e non della Roma?"

Auriemma: “Chiedo rispetto per i tifosi azzurri, perché si è spostata la partita del Napoli e non della Roma?”

Raffaele Auriemma è intervenuto a Radio Crc, nel corso della trasmissione Si gonfia la rete. Tra le tante cose affrontate dal giornalista anche il rinvio di Sassuolo-Napoli, a suo dire irrispettoso per i supporter partenopei.

Le sue parole: “L’Italia si trova in un purgatorio necessario. Io fossi stato in Di Biagio avrei provato a giocarmela con i giocatori dell’Under 21, giocatori che conosce meglio. Bisogna valorizzare i nostri talenti, senza dare troppo la palla a chi cerca una presenza in più per fare curriculum e storia; personalmente non mi è piaciuta l’Italia e bisognerà attendere la nomina del nuovo ct per ripartire. Su Insigne il solito bipolarismo, io non comprendo tutte le critiche ad Insigne, visto che animato il gioco offensivo dell’Italia insieme a Jorginho. Il problema è che ieri non c’era il Napoli in campo con i suoi automatismi, gli azzurri avrebbero fatto decisamente meglio dell’Italia.

Non capisco perché bastonare Insigne ed esaltare Buffon, visto che il vero Buffon avrebbe preso entrambi i gol. Il futuro della porta? Il post-Reina per me è Claudio Bravo, è quello che si avvicina di più alla tipologia del portiere spagnolo. Serve un estremo difensore che faccia al caso del gioco del mister azzurro. Sono stufo di essere maltrattato dalla Lega, perché giocare alle 18 per ragioni di ordine pubblico? Io chiedo rispetto per il Napoli. Decidere tutto all’ultimo è sinonimo di disorganizzazione e confusione. Perché non si è spostato il Napoli e non la Roma? Per porre rimedio bisognava soltanto spostare le partite in due giorni diversi”.