Home » Editoriale » IMPERFETTO

IMPERFETTO

Per parlare di un Napoli senza problemi si deve usare solo un verbo al passato, l’IMPERFETTO.

La luce si è spenta nel momento dell’infortunio di Ghoulam, esattamente lì.

Il doppio crociato ha sconfitto la consapevolezza di essere forti: dalla mente al corpo gli azzurri sono stati trascinati nel limbo del “vorrei ma non posso… più”. Un alibi triste e pericoloso per chiunque.

Persi gli automatismi, le idee e il “bel gioco”, lo smarrimento va avanti già da un bel po’ ma è stato ben mascherato dai risultati. Imperfetto parlare di perfezione fino a poco fa.

LEGGI ANCHE:   Mercato Napoli: gli azzurri offrono una contropartita al Verona per l'obiettivo, la risposta degli scaligeri

Hamsik, Mertens e Callejon sono troppo importanti per averli al 40%. Se hai Ounas che scalpita ma non gioca la colpa è anche di chi è in panchina. O almeno è imperfetto anche lui.

Allegri ha dimostrato ancora una volta di essere il migliore, almeno per efficacia: la Juve ha ottenuto ciò che desiderava con il minimo sforzo.

Imperfetto concentrare la propria partita sull’avversario Higuain mentre i bianconeri, tutti, ti ammazzano con la goccia cinese.

Imperfetto arrendersi, più giusto sperare nel mercato di gennaio che porti una svolta dissimile da quella di due anni fa. Servono rinforzi pronti a vincere subito. No, Inglese no.

LEGGI ANCHE:   Brekalo-Napoli: spunta la richiesta del Wolfsburg, gli azzurri hanno un asso nella manica

Perfetto solo ripartire subito e vincere con la Fiorentina. Perché è imperfetto sperare che mercoledì vada come deve andare.