shinystat spazio napoli calcio news NAPOLI CALCIO FEMMINILE - La conferenza di presentazione, mister Aielli: "Daremo tutto per tornare in serie A"

NAPOLI CALCIO FEMMINILE – La conferenza di presentazione, mister Aielli: “Daremo tutto per tornare in serie A”


Questa mattina, nella Sala Giunta di Palazzo San Giacomo, sede del Comune di Napoli, si è svolta la presentazione del Napoli Calcio Femminile, una realtà che sta acquisendo sempre più consapevolezza di sè. Attualmente la squadra milita nel Girone D della Serie B, ma ha il potenziale per ambire a fare il salto di categoria.

Italo Palmieri, direttore generale del Napoli Calcio Femminile, ha aperto così la conferenza: “Napoli è una città che fa della passione la sua forza nelle varie attività e il Napoli Calcio Femminile è uno di questi esempi.Il progetto è nuovo, sinergia di due grosse società napoletane. In questa sede 7 anni fa con il gemellaggio con il PSG abbiamo intrapreso un importante discorso sul calcio femminile.Vorremmo ritornare allo Stadio Collana per permettere ai napoletani di godere dell’altra faccia del calcio, che pur avendo diverse caratteristiche diverse da quello maschile trasmette molti valori”.

Riccardo Guarino, il presidente :  “È una giornata importante che suggella la crescita calcistica e sociale di questo progetto che è arrivato a un grande momento. Rappresentiamo la città di Napoli in tutta Italia, non siamo una meteora abbiamo un settore giovanile in crescita e un’altra squadra in serie C. Rappresentiamo la parte sana di uno sport che va sempre più verso business e interessi economici. Qualche anno fa c’erano società che investivano, ora dall’unione imprenditoriale di più parti stiamo facendo sognare diverse atlete. Carlino è un imprenditore che ha fatto tanto e che merita di rivestire un ruolo importante in una società che rappresenta Napoli in Italia. Molto spesso le sinergie se le riusciamo a trovare in questa società possiamo toglierci grandi soddisfazioni. Per ora siamo protagonisti in Serie B, quanto prima vogliamo andare a scontrarci contro le rivali come Roma e Juventus, che nel calcio degli uomini sono rivali attuali ed eterne”.

Raffaele Carlino, patron di Carpisa e presidente onorario del Napoli Calcio Femminile:  “Sono contento di poter lavorare insieme ad un imprenditore giovane alla pari con il sottoscritto. Io sono un imprenditore atipico che non bada ai soldi ma alla passione, vengo da Piazza Mercato dove ho assorbito la mia napoletanità e non lo rinnego. Ho dedicato una vita alle donne, il 90% dei dipendenti Yamamay e Carpisa sono donne e queste ragazze sono eccezionali. Siamo per il 100 % napoletani ed è un esempio per il calcio maschile. Da questa sconfitta della nazionale possono derivare paradossalmente tutti i benefici che gli italiani meriterebbero. Ringrazio Stefan Schwoch per l’entusiasmo con cui ha intrapreso questa nuova esperienza. De Laurentiis mi chiese quanto ci guadagnavo da questa attività, io gli risposi che era da un po’ che ci perdevo:  lo faccio con capitali miei e non come sponsor, perché le calciatrici danno tutto per vincere e non per il denaro e fin quando sarà così Yamamay e Carpisa saranno sempre vicine a queste ragazze”.

Stefan Schwoch, consulente tecnico:  “Ringrazio tutti per avermi dato la possibilità di intraprendere questa nuova esperienza. È una realtà che dà tanto entusiasmo. L’obbiettivo è con qualche consiglio di fare il bene di questa società. Ritengo Napoli una città di Serie A per la gente, per i posti, per il panorama e tutti sanno quanto io sia legato a questa città e voglio dare un piccolo contributo per riportare il volto  femminile del Napoli in Serie A”.

Elio Aielli, allenatore: “Stiamo lavorando da più di due mesi e dico sempre che deve essere un onore rappresentare Napoli e dobbiamo fare tutto per riportare il Napoli in Serie A. Viviamo il sogno  dello Scudetto con il Napoli maschile, il Femminile ha la necessità di tornare nel calcio che conta e daremo tutto per questa causa”.

L’intervento di Luigi De Magistris, sindaco di Napoli, ha concluso la conferenza: “Quello di oggi è un fatto simbolico importante: apprezziamo con grande gratitudine quello che fate. Complimenti a tutto lo staff perché ci vuole competenza, abnegazione e passione. Lo sport è stato importante negli ultimi anni, le Universiadi hanno puntato su Napoli perché Napoli ha puntato sullo sport. Questo nonostante fossimo in un momento difficile per l’economia della città, ma è importante anche il lavoro che è stato fatto sulle idee. Tra il febbraio e il maggio 2019 lo stadio Collana sarà rifatto in tutte le sue parti con la possibilità di fruizione di tutti. Circa 7 milioni di euro stanziati. Il Comune, tra l’altro sta finanziando anche i lavori del San Paolo. Lo sport non è solo la partita, il campionato: è salute, è davvero un polmone di vita civica. La gran parte degli impianti che saranno teatro delle Universiadi sono nelle periferie. I nostri ragazzi potranno avere impianti all’altezza. Lo sport è un volano di immagine, di comunicazione un punto di forza della città. Auguri alle ragazze per riportare la città di Napoli ai vertici nazionali anche nell’ambito del calcio femminile”.