shinystat spazio napoli calcio news Ferrero: "Napoli favoritissimo per lo Scudetto. Ho provato a prendere Sarri, su Quagliarella..."

Ferrero: “Napoli favoritissimo per lo Scudetto. Ho provato a prendere Sarri, su Quagliarella…”


Durante la trasmissione Si Gonfia La Rete su Radio Crc ha parlato il presidente della Sampdoria Massimo Ferrero. Queste le sue parole, raccolte dalla nostra redazione.

Tutti con l’Italia. “Perché invece di supportare la Nazionale, la stiamo processando? Dobbiamo dare forza, carica e passione all’Italia. Facciamo lavorare Ventura ed i nostri ragazzi, solo così avremo una maggiore forza per battere la Svezia. Una rondine non fa primavera, siamo uniti con la Nazionale. Se la ribaltiamo lunedì, che così sarà, vanno ribaltati, che cosa diremo? Basta fare processi. Abbiamo top player, adesso Insigne, Chiellini, Candreva ed Immobile non valgono più niente? Siamo italiani, portiamo noi l’Italia ai Mondiali: lunedì non si può avere paura”.

Squadre di club. “Io ho dei ’99 e dei 2000 per cercare una Sampdoria next generation, voglio produrre una squadra tutta italiana. Voliamo basso e tiriamo il sasso, questo è il mio motto. Abbiamo la Juventus e andremo a giocarci la nostra partita, dico sempre ai miei ragazzi di onorare la maglia. Quagliarella? Già ha rinnovato l’altro anno, è un ragazzo serio. Fino a quando ci sarò io resterà a Genova. I napoletani se lo sono fatto scappare e io me lo so preso. In tre anni che sto nel calcio ho capito che le sliding doors sono fondamentali. Ho provato a prendere Sarri, te lo sei scordato?! Prima di Napoli volevo Sarri, poi ho preso Giampaolo, che è stata una fortuna“. 

Lotta Scudetto. Se non date la pressione al Napoli gli azzurri sono favoritissimi, ma non bisogna dar loro pressione. Questi calciatori sono ragazzi, sono giovani, quando entrano al San Paolo ci sono sempre 40.000 persone che le aspettano, vogliono serenità non pressione. Rispettate Sarri, ci sono 38 partite e siamo alla numero 11, partita su partita vi portate su questo Scudetto che i napoletani meritano da tanto tempo. Vi saluto intonando “o surdat nnamurat”.