shinystat spazio napoli calcio news REPUBBLICA - Calcio e Antimafia, convocato il pm Parascandalo per il boss a bordo campo in Napoli-Parma del 2010

REPUBBLICA – Calcio e Antimafia, convocato il pm Parascandalo per il boss a bordo campo in Napoli-Parma del 2010


Criminalità organizzata e mondo del calcio, aspetti su cui l’Antimafia ha intrapreso un percorso in cui porre tutto sotto una decisa lente d’ingrandimento.

Ecco quanto riportato dai colleghi di repubblica.it:Si apre anche un filone napoletano nell’istruttoria avviata dalla commissione parlamentare Antimafia nel mondo del calcio che sta agitando la dirigenza della Juventus, invitata da Palazzo San Macuto a fare chiarezza sui rapporti con esponenti della tifoseria ritenuti legati alla ‘ndrangheta. Per il 4 aprile, invece, è fissata l’audizione, davanti al comitato presieduto dal deputato del Pd Marco Di Lello, della pm del pool anticamorra Enrica Parascandolo, che indaga sulle ramificazioni del clan Lo Russo. Sulla scrivania del magistrato ci sono le dichiarazioni del pentito Antonio Lo Russo, l’ex boss che guardava le gare a bordo campo, compreso quel discusso Napoli-Parma 2-3 del campionato 2009-2010, e giocava alla playstation a casa dell’attaccante argentino Ezequiel Lavezzi. «Mi fu presentato come un capo tifoso», ha spiegato il Pocho ai magistrati. Il capoclan e il calciatore si frequentavano, ha riferito il collaboratore di giustizia, e comunicavano attraverso un telefono “dedicato”. Dalle indagini non sono emersi profili di rilevanza penale. La commissione non ha invece convocato i pm del pool Reati collegati a manifestazioni sportive che hanno aperto un fascicolo sui disagi emersi durante la prevendita dei biglietti di Napoli-Real Madrid. I tagliandi furono polverizzati in poche ore e venduti anche sui circuiti di secondary ticketing. L’indagine della Procura mira a scoprire eventuali illeciti collegati a fenomeni di bagarinaggio. Intanto il match contro i blancos costa al Napoli una multa di 38 mila euro: sanzionati puntatori laser, scale bloccate, lancio di oggetti e accensione di fuochi d’artificio”.

Preferenze privacy