shinystat spazio napoli calcio news David Lopez, da perfetto sconosciuto a pretoriano di Benitez in pochi mesi

David Lopez, da perfetto sconosciuto a pretoriano di Benitez in pochi mesi


Sembrano lontani anni luce quei pomeriggi afosi di piena estate quando il calciomercato impazzava ed il Napoli era alla disperata ricerca di un centrocampista per poter effettuare il salto di qualità e giungere in scia delle più quotate Juventus e Roma. Un giorno Lucas Leiva, l’altro Fellaini, la mattina Sandro e la sera Mascherano. Ci si sbizzarriva col toto nome, ma di fatti concreti neanche l’ombra. Fin quando, ad una manciata di ore dal suono del gong di fine mercato, ed esattamente il 31 agosto, a sorpresa sbarca a Napoli un tale David Lopez Silva. Nome totalmente sconosciuto che non entusiasma nè gli addetti ai lavori nè l’intero popolo partenopeo. Piovono le prime critiche, si teme un nuovo investimento in stile Vargas (o meglio ancora Chavez, ricordate?), ma il tenace centrocampista spagnolo proveniente da Barcellona, sponda Espanyol, impiega poco per ottenere la fiducia di Rafa Benitez ed i consensi dei tifosi.

LA SCALATA Col passare delle settimane l’impiego in campo dello spagnolo lievita sensibilmente. Inizia osservando i compagni dalla tribuna a Marassi tinto di rossoblù, per poi debuttare in punta di piedi a Udine in campionato, ed a Fuorigrotta contro lo Sparta Praga in Europa League. Al “Mapei Stadium” viene impiegato per la prima volta dal 1′ minuto contro il Sassuolo sfoggiando una prestazione di ottima fattura, lasciando Don Rafè sensibilmente estasiato. Si sa che nel calcio è notevole il fattore fortuna, e la Dea Bendata, complici gli infortuni in successione di Gargano e Jorginho, ha sorriso a David Lopez che di lì a poco si sarebbe guadagnato un posto da titolare nella mediana azzurra. Non lo ha più mollato, solo il viscerale turn over di Benitez ha permesso agli altri compagni di reparto di spartirsi le briciole.

THE NORMAL ONE È un ragazzo serio, poco appariscente ma terribilmente solido e concreto. La ricetta per emergere all’ombra del Vesuvio è quella giusta: Napoli apprezza la gente che lotta, dando tutto in campo e su questo David Lopez non è secondo a nessuno.